Thursday, 14 December 2017 - 11:47

Interrogazione di De Menech ad Alfano per Fabio Vettorel, il giovane feltrino incarcerato in Germania

Ott 3rd, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Roger De Menech, deputato Pd

Belluno, 3 Ottobre 2017 _ Il deputato bellunese Roger De Menech ha presentato un’interrogazione per stimolare l’attenzione del Ministro degli Esteri sulla vicenda di Fabio Vettorel. Il giovane feltrino dal 7 luglio è in stato di detenzione preventiva in un carcere tedesco a seguito degli incidenti avvenuti durante il G20 di Amburgo.

«A metà ottobre il ragazzo avrà il processo», afferma De Menech, «ma a quel punto avrà superato i tre mesi di custodia preventiva. Chiedo al Ministro Alfano di capire le reali dinamiche che hanno portato all’arresto dei nostri connazionali e a chiarire in modo definitivo la posizione di Fabio Vettorel, ancora detenuto in custodia preventiva da oltre due mesi, così da garantirgli la giusta tutela e la scarcerazione».

Il giovane si è infatti sempre proclamato innocente e ha dichiarato in più occasioni di essere stato arrestato mentre soccorreva una ragazza ferita. E’ questa la medesima versione fornita dall’altra ragazza bellunese, Maria Rocco, scarcerata il 10 agosto. «Per noi in Italia risulta inspiegabile il motivo del prolungamento dei provvedimenti restrittivi nei confronti di Vettorel», afferma il deputato. Soprattutto perché a fine luglio il consigliere del ministro Alfano, Isidoro Gottardo, aveva scritto a De Menech che la polizia tedesca stava esaminando i filmati disponibili per verificare la responsabilità degli arrestati.

Dei sei italiani arrestati quel giorno, quattro sono ancora in carcere. «La carcerazione preventiva verso chi non ha la residenza», ricorda De Menech, «è particolarmente pesante in Germania, ma voglio capire perché alcuni sono stati liberati e altri, come Vettorel, invece rimangono in carcere. Credo corretto che sia il ministero degli affari esteri a relazionarsi direttamente con le autorità tedesche e tenere i rapporti con la famiglia».

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.