Saturday, 19 August 2017 - 18:52

Colline del prosecco. 5 Stelle Farra di Soligo: all’insetticida naturale del piretro raccomandato anche da Veneto Agricoltura, si preferisce ancora la chimica

Lug 5th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Colline del Prosecco

Dal primo gennaio 2014 gli agricoltori sono tenuti ad effettuare la “difesa integrata” al fine di ridurre la quantità di prodotti fitosanitari utilizzati, ma a distanza di 3 anni ancora non viene ancora effettuata, anzi, lo stesso Consorzio di Tutela del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG da un lato presenta nel proprio protocollo vitivinicolo, che non è vincolante per i produttori ma vuole solo dare dei consigli, anche prodotti fitosanitari ammessi in agricoltura biologica, fra l’altro evidenziando che sono efficaci nel contrastare la cicalina (vettore del fitoplasma che origina la flavescenza dorata, importante malattia della vite), ma poi scrive anche che l’agricoltore può scegliere il principio attivo preferito.

La segnalazione arriva dal Movimento 5 Stelle di Farra di Soligo.

Quest’ultima affermazione non è vera – prosegue la nota dei 5 Stelle – in quanto la difesa integrata stabilisce che se c’e’ un prodotto biologico o una tecnica agronomica o altro mezzo di contrasto non chimico, DEVE essere scelto al posto del mezzo chimico. Come raccomanda anche VenetoAgricoltura.

Sta di fatto che nel territorio del Prosecco DOCG si continuano a vedere, di giorno, agricoltori intenti a irrorare i vigneti, anche in centro paese e quindi confinanti con con abitazioni e strade, muniti di tute e mascherine. Ma chi passeggia per quelle strade o abita in quelle case, non è munito di tute e mascherine!

Il piretro è un principio attivo insetticida naturale, estratto da un crisantemo africano, che ha la particolarità di essere fotolabile: con la luce del sole e le alte temperature, si degrada in un prodotto innocuo. Chi fa viticoltura biologica irrora i vigneti al tramonto, quando il sole è basso e gli insetti impollinatori hanno smesso di volare, cosicché durante la notte vengono uccisi solo gli insetti che risiedono nella vite (in particolare la cicalina, tignole, eccetera). Poi al mattino, con il sole e il caldo, il prodotto perde la sua efficacia insetticida, tant’e’ che il tempo di sicurezza per il piretro è di soli 2 giorni.

Al contrario – conclude la nota del Movimento 5 Stelle di Farra di Soligo –  qui le irrorazioni qui vengono fatte sempre di giorno (e quindi non con piretro, ma con prodotti chimici) ed è interessante leggere l’etichetta dei prodotti fitosanitari consigliati dal Consorzio, per capire che certi prodotti non sarebbe opportuno utilizzarli in un contesto come quello dei comuni della DOCG Prosecco, in cui sono stati piantumati vigneti anche in centro abitato o nelle vicinanze di strade ed abitazioni.

Per saperne di più al link: http://movimento5stelle.qdp.it/

 

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.