Friday, 17 August 2018 - 00:17

Ex Hotel San Marco in Cansiglio. Zaia: “Autorizzata la vendita a trattativa diretta. E’ ora di cambiare le regole”

Giu 27th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Hotel San Marco – Cansiglio

Venezia, 27 giugno 2017 – Prosegue il piano di valorizzazione e alienazione del patrimonio immobiliare della Regione del Veneto. Con delibera approvata oggi, infatti, è stato autorizzato il ricorso a trattativa diretta per la vendita dell’immobile denominato “ex hotel San Marco” situato nel comune di Tambre (BL), nella zona del Cansiglio.

Considerati che tre tentativi fino ad oggi esperiti erano andati deserti, la Giunta ha stabilito di procedere secondo quanto disposto al comma 3 ter dell’art. 16, L.R. 7/2011, come modificato dall’art. 26, L.R. 30/2016, cioè attraverso il ricorso a procedure di trattativa diretta al miglior prezzo di pronto realizzo.

In tal caso il valore da porre a base del conferimento nel caso di trattativa diretta non potrà essere inferiore oltre il 25% del valore attribuito allo stesso, tramite perizia di stima.

Si ricorda che con la DGR 763/2016, era stata autorizzata l’ alienazione dell’immobile, mediante offerta economicamente più vantaggiosa, nel rispetto tuttavia di un progetto che fosse compatibile con l’assetto e lo sviluppo turistico ed economico del territorio del Cansiglio e che preveda il recupero del bene secondo canoni di ecocompatibilità ed uso sostenibile delle risorse, con l’obbligo, da parte dell’acquirente, di esercitare presso il cespite esclusivamente attività alberghiera.

Secondo la perizia di stima il valore dell’immobile è di € 815.000. Nella trattativa diretta, il valore ridotto del 25% sulla stima è di € 611.250.

“Dopo la vendita di Palazzetto Balbi a 5 milioni circa e, la settimana scorsa, dell’immobiliare in San Giacomo dell’Orio, entrambi a Venezia – ha commento il Presidente della Regione, Zaia – prosegue il piano di dismissioni che avevo presentato a inizio legislatura e che ormai è lungo e presto ritrovare altre opportunità di vendita. E questo nonostante regole e burocrazia che allungano i tempi a dismisura. Credo sia avvenuto davvero il tempo, se vogliamo aggredire l’immenso patrimonio immobiliare pubblico e trarne liquidità utile ai finanziare servizi e cittadini e imprese, di riformare le regole. Io credo che gli americani possano dirci molto in materia attraverso gare non soltanto al rialzo ma anche al ribasso, qualora l’immobile non trovi interesse sui mercati, come non ne hanno trovato in questi otto lunghi anni di crisi”.

 

Share

Comments are closed.