Tuesday, 20 February 2018 - 11:35

Disturbi alimentari. Primo anno di attività per il Progetto Maicol

Giu 13th, 2017 | By | Category: Prima Pagina, Sanità, Società, Istituzioni

Il 15 giugno compie un anno il Progetto Maicol, progetto di pasto assistito in ospedale, gestito dall’equipe del Centro dei disturbi alimentari di Belluno e sostenuto dall’Associazione Margherita.
L’iniziativa, nata in memoria della giovane ventiduenne di Lentiai, e attuata grazie ai fondi raccolti da amici e familiari, ha visto ad oggi 17 ragazze prendere parte ai pasti assistiti. Tra queste, ben 4 costituiscono i nuovi accessi da inizio del 2017; due ragazze sono state già dimesse dopo un periodo di ricovero in centri di 2 livello, ed una ha invece terminato il percorso di pasto assistito senza necessità di ricoveri.
I pranzi di gruppo, svolti in compagnia di una psicologa che funge da modello, permettono alle ragazze affette da disturbi alimentari di riprendere confidenza col cibo e di sentirsi supportate nei momenti di difficoltà. La parte successiva di elaborazione e verbalizzazione delle emozioni fa sì che esse possano esprimere i loro stati d’animo in un clima di confronto reciproco e totale accettazione.
Il ruolo del pasto assistito è fondamentale nel trattamento dei disturbi alimentari, tanto da essere citato come intervento riabilitativo necessario per la cura di questi pazienti.

Tra le attività svolte durante quest’anno dalle ragazze del pasto, ricordiamo quella del 15 marzo, in onore della VI giornata del fiocchetto lilla: per la giornata nazionale della lotta ai disturbi alimentari le ragazze hanno deciso di decorare le colonne del Teatro Comunale di Belluno con un grande fiocco lilla. Un gesto per sensibilizzare e dare risalto a un ramo di patologie queste, molto diffuse e, purtroppo, ancora poco considerate.

Valentina De Nart

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.