Wednesday, 23 May 2018 - 18:47

Basta! Le Regole devono stare fuori dalla politica

Giu 3rd, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Mauro Frigo

Premetto che parlo a titolo personale come ex Vice Presidente della Regola di Villagrande.

Dopo quattro articoli apparsi sui giornali dove si dice e si ribadisce in vari modi che le Regole sostengono la Larese, non posso fare a meno di indignarmi per questo uso scorretto che alcuni Amministratori stanno facendo di una istituzione che non è una loro proprietà esclusiva, ma è un bene di tutti i Regolieri.

Io come tanti altri Regolieri, mi sento offeso e privato della mia libertà di pensiero e di voto, questo va conto ai diritti della Democrazia che è il principale fondamento delle Regole.

Più volte il Presidente della Regola di Villagrande è venuto a chiedermi pareri o informazioni sull’accordo Regole-Comune, e durante uno di questi incontri a febbraio lo avevo informato che la Candidata a Sindaco della lista Insieme per Auronzo Tatiana Pais Becher mi aveva chiesto di sostenerla.

Visto i miei trascorsi in Regola il mio compito non poteva essere che quello di ponte tra le due istituzioni, con l’obbiettivo di chiudere l’accordo al quale ho collaborato fattivamente alla stesura, la porta è sempre rimasta aperta, ma le Amministrazioni Regoliere hanno preferito “senza se e senza ma” (Gazzettino del 28 05 2017) schierarsi da una sola parte.

La campagna elettorale doveva essere un confronto sereno sui programmi, così si è rovinato tutto.

Voglio unire la mia voce a tanti Cittadini e gridare “BASTA !!!!! LE REGOLE DEVONO STARE FUORI DALLA POLITICA”

Concludo dicendo, Cittadini e Regolieri date la Vostra fiducia a Tatiana e ai giovani, che sono il nostro futuro.

Mauro Frigo

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Concludo dicendo, Cittadini e Regolieri date la Vostra fiducia a Tatiana e ai giovani, che sono il nostro futuro, e considerato che la stessa è candidata sindaco, cosa cazzo centra l’affermazione che le Regole devono stare fuori dalla politica. Confusione nella testa?