Wednesday, 15 August 2018 - 09:02

2 giugno, Festa della Repubblica. La ricorrenza festeggiata a Belluno alla presenza di numerosi cittadini e delle massime autorità provinciali

Giu 2nd, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Società, Istituzioni

E’ stato celebrato oggi, a Belluno, il 71° anniversario della Festa della Repubblica. La giornata è iniziata con la resa degli Onori al Prefetto da parte di un picchetto d’onore Interforze e con la cerimonia dell’alzabandiera, a seguito del quale il Prefetto ha letto ai presenti il messaggio inviato per l’occasione dal Presidente della Repubblica.
Successivamente si è tenuta, in una Piazza Duomo gremita di cittadini, la cerimonia di consegna delle onorificenze OMRI, delle Medaglie d’Onore e delle Tessere di Maestro del Lavoro. Inoltre il Prefetto, insieme al piccolo Gabriel De Toffoli – socio dell’Associazione Sociale Sportiva Invalidi – ed al Questore di Belluno, ha riconsegnato ad Oscar De Pellegrin la medaglia d’oro vinta alle Paralimpiadi di Londra 2012, sottrattagli qualche mese fa a seguito di un furto in abitazione.
Sulle note dell’Inno d’Italia eseguito dalla Filarmonica di Belluno 1867, la Squadra Speleologica Fluviale dei Vigili del Fuoco di Belluno ha “dato al vento” un drappo tricolore calandosi dalla torre dell’orologio di Palazzo dei Rettori, entusiasmando il pubblico presente.
Nel suo saluto il Prefetto, Francesco Esposito, ha sottolineato come “la festa della Repubblica sia il punto di arrivo di un percorso che parte dall’Unità d’Italia ed attraversa tutti i passaggi significativi della nostra storia, dal 4 novembre 1918 al 25 aprile 1945”. “Il sentimento di comune appartenenza che unisce noi italiani e che ci ha fatto e ci fa affrontare, insieme, le più difficili sfide che hanno recentemente impegnato il nostro Paese, come il terremoto che ha devastato il centro Italia – ha proseguito il Prefetto – deve farci guardare con rinnovato ottimismo e fiducia al futuro”.
Il Prefetto ha inoltre espresso la propria soddisfazione per il ritrovamento e la riconsegna, fortemente voluta a Belluno, della medaglia d’oro olimpica ad Oscar De Pellegrin, sottolineando come la restituzione del prezioso trofeo, oltre a chiudere una ferita aperta, rappresenti una risposta concreta dello Stato al sentito bisogno di legalità.

Share

Comments are closed.