Wednesday, 13 November 2019 - 11:59
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Successo alla serata di presentazione di “Quando comandava la spada”

Mag 29th, 2017 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Sala gremita per questo evento di fine maggio. La presentazione degli atti del convegno “Quando comandava la spada” (Castello di Zumelle – 17 ottobre 2015) presso la suggestiva aula magna del Liceo Classico Alvise Lollino dimostra il forte interesse della popolazione per il Medioevo Bellunese.

L’evento organizzato dall’associazione Artestoria di Conegliano, dall’Istituto Bellunese di ricerche Sociali e culturali con la collaborazione della Biblioteca Gregoriana del Seminario di Belluno e del Liceo Classico Lollino rappresenta un fulgido esempio di collaborazione tra alcuni degli enti che si occupano di valorizzare la cultura e la storia locale.
Dopo i saluti istituzionali hanno preso parola il pro-rettore del Seminario Gregoriano don Francesco Silvestri che ha sottolineato, anche a nome del preside del liceo don Elio Larese, la bellezza di poter ospitare questo incontro. Successivamente hanno la preso la parola la presidente di Artestoria Lucia Da Re che aveva curato il convegno di Zumelle, don Sergio Sacco, editore del volume e Giorgio Reolon in qualità di curatore dell’opera.
Dulcis in fundo la recensione del volume da parte dello storico ed architetto Andrea Bona.
Con lo stile brioso che lo contraddistingue, il relatore, dopo aver lodato l’opera nel suo complesso, ne ha sottolineato l’importanza in vista di una ripresa sistematica degli studi sul Medioevo Bellunese.
Infine ha voluto evidenziare ai presenti i molteplici collegamenti tra l’Età di Mezzo e la situazione attuale della nostra provincia augurandosi che il nostro territorio non si consideri più ai margini ma, come nel passato, al centro del continente Europeo. Questa la sfida che il Medioevo ci lascia. Una prospettiva più ampia e un apertura verso l’esterno oltre i classici confini naturali e non che ci circondano.
Pregevoli gli interventi durante la serata del pianista Mosè Andrich che ha deliziato la platea con brani di Bach, Tchaikovsky ed una sua composizione originale.

Share

Comments are closed.