Wednesday, 19 December 2018 - 01:14

Giovani e famiglia. Ecco la ricetta del candidato sindaco Paolo Bello

Mag 26th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Paolo Bello

“Le nostre linee guida per la Città di Belluno si differenziano, e non di poco, da quelle che in questi giorni sono state rese pubbliche dai candidati. In realtà una di quelle è conosciuta già da cinque anni. E’ infatti stata riproposta identica dato che non è stata modificata nella sostanza. A questo punto però una serie di domande si insinuano
nella mente: ma perché queste idee sono ancora a livello di programma?
Perché non sono state realizzate? Mancano le idee per applicarle? O sono altre le priorità”?

L’interrogativo è del candidato sindaco del Pd Paolo Bello.

“Noi abbiamo idee e priorità precise – prosegue Bello – e su queste chiediamo il consenso.

Alcuni esempi in cantiere per i giovani.
Un’aula studio sul modello delle città universitarie, con gestione affidata alla rete associazioni-privati-ragazzi, così da
responsabilizzare quest’ultimi su un bene di pubblica utilità.
Mettendo in rete le risorse sarà possibile offrire gratuitamente un servizio innovativo. Sulla possibilità di calmierare gli affitti, riteniamo strategico coinvolgere anche le frazioni col duplice scopo di rivitalizzarle e di riequilibrare i servizi, dato che più gente ne usufruisce migliori diventano. Si potrebbe innescare un circolo
virtuoso.
E ancora, un congruo periodo di sgravi fiscali per quei giovani che vogliono investire nel loro futuro in questa bellissima città e che, attualmente, hanno messo da parte i progetti perché non trovano aiuto o addirittura vivono l’Amministrazione come un ostacolo.
In altre parole, i giovani non sono un problema del quale preoccuparci, ma una risorsa della quale occuparci subito. I giovani hanno potenzialità sulle quali scommettere e investire, anche economicamente, per il futuro di Belluno.

Ripensando invece al ruolo della famiglia, dobbiamo passare dall’idea di entità da quantificare per applicare delle aliquote, a nucleo vitale in grado di creare servizi e di amplificare quella spinta di civiltà che gli è propria.

Alcune idee tra le molte in cantiere per le famiglie:
dall’offerta di spazi adeguati di ritrovo funzionali, alla semplificazione dell’accesso ai bonus i quali restano comunque delle soluzioni-ponte in vista di politiche integrate. Infatti, provvedimenti spot come la family card se non accompagnati da interventi organici di ampio respiro, sono asfittici e di impatto nullo sulle difficoltà anche economiche delle famiglie. È necessario investire risorse con coraggio perché, anche in tempo di crisi, la
famiglia non può permettersi il lusso di non spendere e, se supportata, può essere il vero volano dell’economia locale.

In ultima analisi, siamo convinti che una visione diversa di città e di cittadino che la abita, una visione in cui l’uomo sia sempre al centro e l’Amministrazione al servizio, possa rilanciare Belluno come luogo privilegiato in cui vivere oggi e domani”.

Share

Comments are closed.