Wednesday, 20 June 2018 - 09:15

Legittima difesa. Giovedì alle 17.30 la conferenza della Lega Nord al Centro Giovanni 23mo di Belluno

Mag 23rd, 2017 | By | Category: Appuntamenti, Cronaca/Politica, Prima Pagina

La sezione provinciale Lega Nord Belluno Dolomiti organizza, per Giovedì 25 maggio alle 17,30 presso la sala Luciani del Centro Giovanni XXIII, un Incontro pubblico riguardante la sicurezza e la Legittima difesa e sugli aspetti che possono essere migliorati.

Si tratta di un tema di estrema attualità e l’iniziativa, come sottolinea la responsabile organizzazione provinciale del Movimento, Annalisa Dal Mas “vuole essere proprio un’occasione di confronto, aperto alla cittadinanza, dal quale poter raccogliere proposte e suggerimenti su come sia ancora possibile migliorare il relativo quadro legislativo, anche alla luce di episodi e fatti di cronaca di cui quotidianamente si sente parlare”.

Proprio per questo motivo l’incontro vede protagonisti, come relatori, il candidato sindaco per Belluno,
Franco Gidoni, le forze di polizia (per voce dei loro rappresentanti sindacali (Marco Ceolin per l’ugl polizia di stato e Fabio Ballestriero per il SAP) ed il capogruppo della Lega Nord alla Camera dei Deputati On. Massimiliano Fedriga (autore di numerose proposte di legge su questi temi , tra cui una legge per la cancellazione del reato di eccesso colposo di legittima difesa.

Si parlerà anche della nuova legge appena approvata dal Governo, di cui l’on Fedriga ha recentemente dichiarato: “Siamo di fronte all’ennesima presa in giro operata dal partito di Renzi mentre i 5 stelle, anziché schierarsi dalla parte dei cittadini, pensano bene di fare da stampella silente al Pd. Invece di approvare il testo di legge della Lega Nord a prima firma Molteni, il Pd ha preferito infatti scrivere una legge che non tutelerà chi si difende, chi protegge se stesso e i propri familiari, bensì continuerà a lasciare un’ampia discrezionalità. Una forbice che porterà, esattamente come abbiamo visto in fin troppi casi, a far si che le vittime si trovino condannate e magari pure costrette a risarcire migliaia di euro alle famiglie dei delinquenti. Una vergogna! I renziani non hanno più ritegno, prima utilizzano il tema della legittima difesa per la campagna elettorale delle loro primarie, poi, pochi giorni, dopo si rimangiano tutto portando in aula un testo inutile, anzi dannoso, che peggiorerà la situazione”.

Share

Comments are closed.