13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 1, 2020
Home Cronaca/Politica Progetto Nevegal: cinque anni dopo Paolo Gamba ci riprova

Progetto Nevegal: cinque anni dopo Paolo Gamba ci riprova

«Sul Nevegal deve cambiare l’approccio generale: la filosofia giusta per il rilancio del Colle è farlo diventare una frazione a tutti gli effetti, non solo una località sciistica».

Lo dice il candidato sindaco Paolo Gamba (lista Belluno è di tutti).
Gamba ha incontrato nei giorni scorsi una rappresentanza degli operatori turistici e commerciali del Nevegal, per condividere la visione strategica da portare avanti sul Colle.

«Nel caso diventassi sindaco di Belluno, ho intenzione di creare una delega apposita per il Nevegal è di tenerla sotto le deleghe direttamente affidate al sindaco – ha detto Paolo Gamba -. L’obiettivo che mi do per il Nevegal è di farlo diventare una vera e propria frazione. Deve cambiare l’approccio: basta con il piagnisteo sul non funzionamento del Nevegal; basta con interventi pubblici una tantum; i residenti, le associazioni, i portatori di interessi devono essere messi in grado di fare le manutenzioni necessarie, con il supporto tecnico e di mezzi del Comune. Il Nevegal deve essere un po’ il giardino di Belluno… e pensare che qualcuno avrebbe voluto farci passare un nuovo elettrodotto».

Anche cinque anni fa Gamba, allora assessore della giunta Prade (Pdl-Lega), sosteneva quello che allora si chiamava “Abitare il Nevegal”, che si concluse con un nulla di fatto. Salvo il conto da pagare per consulenze e studi di 300 mila euro, oltre a benefit di villetta con giardino + auto, un’Audi in leasing da 1.100 euro mensili al manager svizzero Gerard Luyet per la realizzazione di una struttura di formazione permanente per gli operatori locali del turismo e l’Accademia dell’ospitalità collegata alla principale scuola di alta formazione nel campo del turismo, la blasonata Hoteliere Ecole di Losanna. Si parlava anche di investimenti di privati, di cui nessuno ha mai saputo i nomi né avuto notizia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share