Tuesday, 23 January 2018 - 18:02

Domenica la Marcia Stop ai pesticidi

Mag 21st, 2017 | By | Category: Appuntamenti, Meteo, natura, ambiente, animali

Domenica 21 maggio i rappresentanti della campagna Liberi dai Veleni incontreranno sulle creste delle prealpi altri membri, provenienti dal Trevigiano, del Comitato Promotore della Marcia Stop Pesticidi in programma per il 28 maggio da Cison di Valmarino a Follina.
Sarà l’occasione per lanciare insieme l’invito ai cittadini a partecipare alla marcia, e sarà inoltre un importante momento per ricordare agli amministratori bellunesi l’impegno preso approvando i regolamenti per l’uso dei fitofarmaci cui deve seguire una strategia seria e credibile di controlli e informazione.
Il ritrovo per i bellunesi è previsto alle 10 a Malga Montegal vicino a Valmorel, in comune di Limana, dove la comitiva partirà in direzione Pian de le Femene. Lungo il percorso ci sarà tempo per brevi divagazioni sulle erbe spontanee di stagione e il loro uso in cucina, per ricordare che la terra è in grado di darci molto anche senza dipendere dalla chimica.
Una volta salito sul colle sopra il valico, il gruppo esporrà gli striscioni di invito alla marcia e approfondirà le ragioni della manifestazione che si svolgerà proprio nella roccaforte dell’agroindustria delle bollicine.
Intanto sulla pagina FB (@marciastoppesticidi) piovono le adesioni formali da parte di gruppi da tutta Italia. Tra gli altri aderiscono i comitati di Trento e della Val di Non, quindi i promotori coglieranno l’occasione per salutare dalle cime l’attivista trentino Adriano Rizzoli, scomparso qualche mese fa, e ringraziarlo del tempo e delle energie dedicate alla difesa della propria terra, martoriata dal business delle mele.
Un unico sentire, dunque, che valica i confini geografici ed amministrativi, per proteggere i territori dall’abuso della chimica e dalla monocoltura di ogni genere che impoveriscono la fertilità e la biodiversità necessarie per la sussistenza dei sistemi agricoli.

 

L’appello ai cittadini per la Marcia stop ai pesticidi da Cison di Valmarino a Follina  domenica 28 maggio
Milioni di persone in tutto il mondo sono quotidianamente esposte ai pericoli provocati dall’uso di pesticidi e diserbanti in agricoltura.
Nati per eliminare i parassiti dei raccolti, infatti, hanno un impatto gravissimo non soltanto sulla nostra  salute, ma anche  sull’ambiente. Secondo  l’Organizzazione Mondiale della Sanità  ad esempio,   i  pesticidi   causano  ogni   anno   circa   200 mila  morti

su   scala   globale   e   secondo l’autorità  Europea per  la Sicurezza Alimentare  (Efsa) circa  il 45% del cibo che consumiamo
contiene residui di pesticidi.
E’ scientificamente provato  che queste  sostanze chimiche  possono contribuire al  sorgere di diverse   forme   tumorali   e   alterare   il   sistema   endocrino   con   il   conseguente   aumento   delle patologie correlate.
Le persone che vivono e lavorano nelle aree dove si pratica l’agricoltura intensiva e chimica, caratteristica delle monocolture, sono le più esposte, in particolare le donne in gravidanza e i bambini.
Nel   lungo   periodo,   poi,   danneggiano   l’agricoltura   stessa   indebolendo   le   piante   coltivate, compromettendo   la   produttività   del   terreno   e   la   qualità   del   raccolto   e   distruggendo   la biodiversità animale e vegetale.
Provocano  inquinamento dell’aria, dei  terreni  e delle  falde acquifere,e  compromettono  la sopravvivenza di numerose specie animali (in particolare api, lombrichi e uccelli).
La monocoltura intensiva basata sulla chimica, provoca il graduale depauperamento di una risorsa culturale preziosa quale è il Paesaggio.
In alternativa a questo modello sosteniamo le esperienze agricole, come i Biodistretti e le filiere corte, che in questi anni hanno dimostrato di saper coniugare il rispetto per la salute pubblica e l’ambiente, producendo alimenti sani e posti di lavoro,

valorizzando la varietà di prodotti locali e tutelando la salute pubblica.
INVITIAMO LA COMMISSIONE EUROPEA
a proporre agli Stati membri l’introduzione di un divieto di utilizzare glifosato, a riformare la procedura di approvazione dei pesticidi e a fissare obiettivi di riduzione obbligatori al livello dell’UE per quanto riguarda l’uso dei pesticidi.
CHIEDIAMO A GOVERNO, REGIONE  E COMUNI
• di applicare il principio di precauzione vietando l’utilizzo dei pesticidi, intesi come
molecole di sintesi, attivando controlli efficaci e sanzioni idonee.
• di potenziare gli  strumenti di controllo e  salvaguardia del  territorio per evitare
pesanti sbancamenti, deturpazione del paesaggio e possibili discariche abusive.
• di togliere gli incentivi economici per le produzioni intensive.
• di adottare politiche  che  favoriscano  l’agricoltura biologica,  nel  rispetto della
biodiversità e delle tipicità tradizionali locali;
Facciamo appello a tutti, cittadine e cittadini, associazioni, movimenti, comitati, gruppi,   per marciare uniti in difesa della nostra terra e della salute pubblica.
Vi aspettiamo  domenica  28  Maggio 2017 con partenza alle ore 10.30 presso la  rotatoria di Cison di Valmarino (TV).

Comitato Marcia Stop Pesticidi di Belluno e Treviso
Per adesioni email a     marcia    stoppesticidi@gmail.com
Per contatti e informazioni prov. Belluno: marciastoppesticidibl@gmail.com
Seguici su Facebook @marciastoppesticid

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.