Friday, 24 November 2017 - 20:15

Province in agonia. Bellot: “Capacità di investimento scesa del 62%. Squilibrio tra necessità e fondi a disposizione di 651.500 milioni”

Mag 19th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Raffaela Bellot, senatrice (Fare!)

“Condivido pienamente lo spirito con cui l’Unione Province d’Italia (UPI) si è riunita ieri a Roma e condivido la denuncia che si è levata in modo unanime, che evidenzia la discrepanza tra situazione normativa e quella economica, che caratterizza in questo momento lo stato delle nostre Province e che mette in grave pericolo l’intero tessuto sociale del nostro Paese.”

Commenta così la senatrice Tosiana Raffaela Bellot l’incontro avvenuto ieri, in un teatro Quirino gremitissimo, e continua: “I dati presentati dall’UPI ci parlano di una capacità di investimento delle Province che segna un pesantissimo -62% e di uno squilibrio, tra fondi a disposizione e fondi necessari, accertato da Sose pari a – 651.500 milioni di euro. Il motivo è sotto gli occhi di tutti: la riforma delle Province è rimasta incompiuta, non sono state eliminate, ma non possiamo nemmeno dire che vivano in salute il loro ruolo. I trasferimenti da parte dello Stato sono stati ridotti ai minimi termini e questo sta portando ad una lenta e impietosa asfissia, tanto più in un’area interamente montana come la nostra dove sono ancor più evidenti effetti di impoverimento e rapido spopolamento.

In capo alle nostre Province sono rimaste funzioni importantissime, ma non le risorse per farvi fronte.” Lungo l’elenco di esempi che ne segue, tra i quali la Senatrice mette in evidenza le condizioni dei dipendenti che non conoscono più quale sarà il loro destino e che si trovano a lavorare in condizioni sempre più incerte, o il problema del mantenimento dei servizi scolastici, degli edifici, delle infrastrutture in genere e degli interventi per la conservazione dell’ambiente naturale e dell’equilibrio idrogeologico del territorio montano.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.