13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 6, 2020
Home Prima Pagina Il Trasfusionale dell’Ulss 1 Dolomiti supera la visita ispettiva per conferire il...

Il Trasfusionale dell’Ulss 1 Dolomiti supera la visita ispettiva per conferire il plasma 

Qualità, sicurezza e rispetto delle norme hanno trovato necessaria ed obbligata evidenza nel recente percorso di audit (visita ispettiva), che il Trasfusionale dell’ULSS 1 Dolomiti – primo in Regione Veneto – ha superato per poter conferire il plasma raccolto all’azienda farmaceutica, che si è aggiudicata la prima gara in Italia con obbligo di rispetto della normativa non solo nazionale, ma anche comunitaria e mondiale (Good Manufacturing Pratice-GMP) per tutto il percorso, che va dalla raccolta dal donatore, che passa attraverso la lavorazione, il congelamento e lo stoccaggio, fino alla consegna per la produzione industriale di farmaci, che possono essere prodotti solo dal plasma umano (i cosiddetti plasmaderivati, quali albumina, fattori della coagulazione ad es.).
I farmaci prodotti ritornano poi nel territorio delle Regioni e quindi ULSS, che partecipano al consorzio, a prezzo concordato e per rispondere alle necessità dei pazienti.
Nel comune percepito quella che oggi viene definita Medicina Trasfusionale è rappresentato dal Donatore che fa la Donazione. In genere non è conosciuto sia ciò che avviene dopo la raccolta del sangue, sia ciò che avviene in Trasfusionale, a volte senza un apparente collegamento con la donazione.
Nell’Ulss 1 Dolomiti la raccolta viene effettuata a Belluno, a Feltre, Pieve di Cadore ed Agordo.

I donatori cosiddetti attivi, cioè che hanno donato negli ultimi due anni, sono stati 8.145, ad evidenza di un locale tessuto sociale ancora solido ed improntato alla condivisione e soluzione dei problemi degli altri cittadini.
Il valore confrontato con gli standard di riferimento dell’OMS e gli analoghi indici delle altre Province del Veneto (% ogni 1.000 abitanti in fascia di età 18-65, in cui si può donare), colloca stabilmente la provincia di Belluno assieme a Rovigo a oltre il 60 per mille, cioè ben oltre lo standard OMS (42 per mille) e oltre l’analogo indice di tutte le altre Province venete.
Nel 2016 sono state effettuate 13.447 donazioni nelle varie tipologie (sangue intero e aferesi).
Sono state prodotte 12.408 unità di globuli rossi (che nel percepito comune sono la trasfusione di sangue), ma anche 13.322 unità di plasma, 675 concentrati di piastrine e 488 raccolte di gel piastrinici.
Il tutto è andato a favore di 1.894 pazienti trasfusi negli Ospedali della provincia di Belluno con 7.243 unità di globuli rossi, il resto, sulla base della programmazione nazionale tramite il Centro Nazionale Sangue-CNS e regionale tramite il Coordinamento Regionale per le Attività Trasfusionali-CRAT o a supporto in situazioni di urgenza createsi e non previste : 3.355 in Regione Veneto (2.983 unità a Padova, 317 a Verona, 40 a Mestre e 15 a Treviso), 1.749 unità a Cagliari e Roma.
L’attività avviene in un contesto che rispetta i principi base della Medicina Trasfusionale odierna, con, con tracciabilità, qualità e sicurezza per tutto ciò che viene fatto, come accertato anche nel corso della recente visita ispettiva.
Questo anche grazie agli investimenti strutturali, effettuati per oltre 100.000 €, nonché grazie agli sforzi di tutto il personale preposto per poter aprire questa strada, del tutto nuova non solo a Belluno, ma in Italia.
Un ringraziamento particolare va ai nostri oltre 8.000 Donatori e le loro locali Associazioni.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il vicesindaco di Padova Arturo Lorenzoni sfida Luca Zaia alla presidenza della Regione del Veneto

Si chiama Arturo Lorenzoni lo sfidante di Luca Zaia alla presidenza della Regione del Veneto. E' attualmente vicesindaco di Padova, ingegnere elettrotecnico, professore di...

Vigili del Fuoco. Avvicendamenti ai vertici dei capoluoghi veneti

Nei giorni scorsi il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa Civile ha disposto una serie di conferimenti e avvicendamenti...

Ulss Dolomiti, sostegno psicologico covid: 360 interventi in 80 giorni

360 interventi in 80 giorni: E’ quanto è stato fatto nell’ambito del progetto “Sostegno Psicologico COVID” promosso dalla’Ulss Dolomiti in collaborazione con l’AIL sezione...

Sicurezza sismica alla scuola di Castion. Giannone: “Sbloccato finanziamento da oltre 800mila euro”

Più di 800mila euro in arrivo dai fondi per l'edilizia scolastica recentemente sbloccati dal Ministero dell'Istruzione, che verranno inoltrati al Comune di Belluno tramite...
Share