13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 1, 2020
Home Cronaca/Politica Un No secco alle centraline del Movimento 5 Stelle Belluno. Stefano Messinese:...

Un No secco alle centraline del Movimento 5 Stelle Belluno. Stefano Messinese: “Tutte le infrastrutture vanno realizzate solo se servono realmente e non per pura speculazione economica”

“In merito alla realizzazione delle centraline idroelettriche sul Piave, non abbiamo nessun problema a dichiarare il nostro secco e assoluto “NO”. Posizione, comunque più volte espressa in passato attraverso il nostro consigliere Sergio Merchese con il quale siamo stati i primi a sollevare e portare la questione all’attenzione del consiglio comunale di Belluno, nonché a inserire nel programma delle ultime regionali la previsione di una totale moratoria fino alla definizione di una nuova e più stringente normativa per la loro realizzazione”.

Lo dichiara il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Belluno Stefano Messinese.

“A questo proposito – prosegue Messinese –  ci tocca registrare con grande rammarico che, al di là delle solite parole e comparsate, nessun parlamentare locale, ha saputo rappresentare con forza e determinazione, salvo qualche blanda interrogazione, la problematica a livello nazionale proponendo l’unica soluzione possibile utile a stroncare la proliferazione delle richieste per la realizzazione di tali centraline: la cancellazione totale di tutti gli incentivi economici sulla produzione elettrica.

Le centraline di questo tipo, come peraltro tutte le infrastrutture grandi o piccole che siano, vanno realizzate solo se servono realmente e, soprattutto, nei giusti siti e non per pura speculazione economica.
Il primo caposaldo di una vera politica sostenibile è il limite. Una infrastruttura non è ‘green’ solo perché concepita usando materie ed energie rinnovabili, ma principalmente perché è utile per soddisfare solo quanto indispensabile alle nostre esigenze.
Continuare a produrre e/o consumare in surplus solo per lucro – conclude Messinese –  oltre ad essere una vera idiozia, è un lusso che non ci possiamo più permettere”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share