Wednesday, 13 December 2017 - 13:07

Pesticidi. Zanoni (PD): “Regione contraria solo a parole. Zaia blocchi le deroghe all’uso di sostanze nocive per l’ambiente e la salute”

Apr 28th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Andrea Zanoni – consigliere regionale Pd

Venezia, 28 aprile 2017  “A parole la Regione ostenta un impegno ambientalista, nei fatti, però, continua a concedere deroghe per l’uso di pesticidi nocivi. Quando si deciderà a bloccarle?”. La richiesta è contenuta in un’interrogazione del consigliere del PD Andrea Zanoni, sottoscritta anche dalla collega Francesca Zottis. “Ne sono state concesse ben 28 solo nel 2016, di cui 6 estensioni già autorizzate dal ministero della Salute e altre 22 su richiesta delle associazioni agricole”, afferma il vicepresidente della commissione Ambiente, evidenziando le incongruenze della Giunta Zaia.

“È inutile adottare, con le ‘Linee tecniche di difesa integrata 2017’, criteri di intervento e strategie per la difesa delle colture ed il controllo delle infestanti per ridurre l’impatto sulla salute e l’ambiente, se poi si permettono numerose eccezioni.

Vigneti trattati con diserbante glifosato

I Consorzi di tutela del prosecco DOC e DOCG sono impegnati a gestire le richieste di riduzione dei prodotti fitosanitari più pericolosi per la salute più volte avanzate dal Presidente Zaia, ma la Regione vanifica tutto. L’associazione WWF Terre del Piave-Gruppo Alta Marca ha segnalato l’autorizzazione in deroga dell’erbicida Glufosinate ammonium, segnalato come nocivo dal Regolamento CE/1272/2008. Una ‘concessione’ che ha riguardato anche le produzioni relative agli impianti di melo e pero inseriti nei programmi ‘Frutta per l’infanzia’ o ‘BabyFood’. Inoltre ha evidenziato come la Regione continui a consentire l’uso dei principi attivi denominati ‘inibitori dell’acetilcolinestesasi’ senza evidenziarne la pericolosità per la salute, come risulta dalle ‘Informazioni per il medico’ riportate nelle etichette e nella ‘Sezione 11’ delle schede di sicurezza dei prodotti fitosanitari”, dice ancora il consigliere dem.

“Fortunatamente a livello locale sembra esserci una sensibilità diversa. In provincia di Treviso il Comune di San Biagio ha momentaneamente sospeso un’ordinanza per regolamentare l’utilizzo dei fitofarmaci in agricoltura e trovare un accordo sulla sua corretta applicazione, e sta pensando a una mappatura del territorio per individuare le zone vulnerabili. A Borso del Grappa invece è stata avviata una raccolta firme per un referendum contro il regolamento di Polizia rurale che consente l’uso di pesticidi di sintesi. Occorre però un’omogeneità in tutto il Veneto e questa ci può essere solo con un intervento serio della Regione, che sbandiera un impegno ‘green’ inesistente. Tutte queste deroghe – conclude Zanoni – oltre a minare la già scarsa credibilità della Giunta Zaia in materia, rischiano anche di compromettere la candidatura Unesco delle colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.