Friday, 15 December 2017 - 23:33

Parco delle Dolomiti bellunesi ancora senza presidente. Piccoli: “Fare in fretta o lo deciderà Roma”

Apr 22nd, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Giovanni Piccoli, senatore

“Il Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi merita un presidente: questa situazione di stallo è intollerabile e potrebbe peggiorare con l’entrata in vigore della nuova legge quadro sui parchi attualmente in fase di approvazione in Parlamento. Anche per questo bisogna fare presto”.

A dirlo è il senatore Giovanni Piccoli preoccupato per la situazione di immobilismo che grava su Villa Binotto, sede dell’Ente Parco.

“In questi mesi ho più volte sollecitato il Ministero dell’Ambiente e devo ammettere di aver trovato la massima disponibilità, ma ora anche la Regione deve fare la propria parte e indicare un nominativo. Ognuno, arrivati a questo punto, deve assumersi le proprie responsabilità”, afferma Piccoli.

“Occorre fare in fretta perché la nuova legge quadro sui parchi centralizza il processo decisionale a Roma: attualmente il Presidente del Parco viene scelto attraverso una procedura concordata fra i diversi livelli istituzionali, da domani non sarà più così. Il Ministero, infatti, valuterà fra tre nominativi di sua indicazione e solo in un secondo momento li sottoporrà alla Regione che dovrà esprimere un parere obbligatorio ma non vincolante. Questo significa che – una volta pubblicata la legge – sarà l’Esecutivo a decidere i vertici dei Parchi nazionali senza dare un peso specifico ai territori”.

“Prima che questa legge, contro cui mi sono battuto, venga approvata definitivamente, bisogna che il territorio abbia un sussulto e che la Regione sciolga ogni riserva e si interfacci con il Ministero”, sottolinea Piccoli.

“Mi auguro prevalga la volontà di superare ogni incertezza e di dare al Parco una governance autorevole e duratura dopo le troppe incertezze degli ultimi tempi”, conclude Piccoli.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.