Friday, 15 December 2017 - 19:53

Botta e risposta. Bottacin: “Quali titoli ha Zanoni per insegnare in una scuola?” Zanoni: “Mi occupo di ambiente da una vita. L’assessore Bottacin pensi a fare bene il suo lavoro: in due anni abbiamo visto poco o niente”

Apr 12th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Venezia, 12 aprile 2017 – “Ho appreso con un certo stupore che il consigliere regionale del Pd Andrea Zanoni ha tenuto una lezione sugli impatti ambientali che affliggono il Veneto in una scuola di Castelfranco. Solitamente nelle scuole sono molto rigorosi nel scegliere i percorsi educativi, per questo ho scritto alla collega Donazzan, che ha la delega all’istruzione, per chiedere una verifica di quanto accaduto in quella scuola”. Con queste parole l’assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin solleva il caso sulla lezione tenuta dal consigliere Zanoni agli alunni di tre classi dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore di Castelfranco: “Nessuna preclusione a che siano tenute lezioni in materia ambientale, anzi, la nostra stessa Giunta sta incentivando percorsi educativi ambientali, ma questi devono essere certificati e di natura istituzionale”. “Nel caso specifico – conclude l’assessore – credo sarebbe quanto meno opportuno capire quali titoli possa vantare Zanoni per tenere lezioni in materie delicate come quella ambientale a ragazzi dell’ultimo anno. Mi auguro che i titoli emergano chiaramente, in modo da non palesare una chiara azione politica del Pd che, diversamente, andrebbe sicuramente censurata”.

Andrea Zanoni – consigliere regionale Pd

“Non posso che essere stupito dello stupore dell’assessore Bottacin. Lo scuso se ignora la mia storia personale, però vorrei informarlo che mi occupo di questioni ambientali da una vita e vengo regolarmente invitato da scuole, licei, Università e anche dal Corpo forestale dello Stato a tenere conferenze in materia, in qualità di esperto. Sono stato per molti anni responsabile del settore ambiente di una importante multinazionale, ho partecipato, in veste di teste dell’accusa a oltre cento processi per reati contro la fauna selvatica e l’ambiente, tenuto corsi per Guardie giurate ambientali. E infine sono stato relatore al Parlamento europeo per la nuova direttiva sulla Valutazione di impatto ambientale”. Andrea Zanoni risponde a distanza all’assessore Bottacin a proposito dell’incontro tenuto dal consigliere del Partito Democratico in una scuola di Castelfranco.

“Leggo che ha addirittura scritto alla collega Donazzan per chiedere una verifica sull’accaduto, tanta attenzione è quasi commovente. Invece di dare la caccia alle streghe, però, Bottacin dovrebbe pensare a fare meglio il suo lavoro. Sono quasi due anni che è assessore all’Ambiente e la sua azione è quasi nulla. Per esempio, ancora non ha fatto niente per individuare la fonte primaria di inquinamento che sta avvelenando col mercurio le falde acquifere dei Comuni di Quinto, Treviso, Casier e Preganziol. E presto, se Bottacin non si dà una mossa, anche Mogliano. Le emergenze ambientali in Veneto sono tante: rifiuti smaltiti illegalmente sotto i manti stradali, falde acquifere inquinate da sostanze chimiche e pesticidi, aria irrespirabile, consumo di suolo a livello record in Europa. Se l’assessore operasse con la stessa solerzia che dedica a me, sarebbe molto meglio per tutti i veneti e la loro salute”.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. assessore Bottacin, non ritiene ci siano cose più serie di cui occuparsi?.. il Veneto è tra le regioni più cementificate e inquinate d’Italia e lei, assessore all’ambiente, perde tempo a chiedere che titoli ha Zanoni per parlare in una scuola elementare? Ricordo inoltre che Lei ha la delega anche alla specificità del bellunese e finora in questa materia non ha fatto assolutamente nulla, giustificandosi con i numerosi adempimenti che la impegnano come assessore all’ambiente e alla protezione civile…poi vedo che ha tempo da perdere per queste polemiche…

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.