Wednesday, 13 December 2017 - 13:20

Gioco d’azzardo e ludopatia. Marco Rossato (Coordinamento Slotmob Belluno): “Stiamo costituendo un tavolo di coordinamento e un convegno-seminario per definire le dimensioni del gioco e informare sui rischi”

Apr 5th, 2017 | By | Category: Prima Pagina, Società, Istituzioni

Marco Rossato

“Ad un anno dalla costituzione del Coordinamento Slotmob Belluno desideriamo fare il punto sul lavoro svolto e anticipare alcune informazioni sulle iniziative in preparazione”.

Lo ha detto Marco Rossato, portavoce del Coordinamento Slotmob Belluno, questa mattina insieme ad Antonio Barattin presidente del Centro Studi Bellunesi, nella conferenza di presentazione delle iniziative che saranno messe in campo per fronteggiare le patologie del gioco d’azzardo.

“I nostri obiettivi principali restano sempre quelli di informare e rendere consapevoli i nostri concittadini sui rischi del gioco patologico e di evidenziare ai nostri Amministratori come il dilagante e irrazionale affidarsi alla ‘dea fortuna’ stia creando giorno dopo giorno nuove vittime, sempre più povertà e dipendenze.
Da alcuni mesi assieme al Centro Studi Bellunesi stiamo preparando l’importante appuntamento di un Convegno-seminario rivolto in particolare ad amministratori, dirigenti e funzionari delle Amministrazioni comunali presenti nella nostra provincia.

Il Convegno – prosegue Rossato – sarà l’occasione per definire l’attuale dimensione del gioco d’azzardo legalizzato e della ludopatia nella nostra provincia.
Lo definiremo con il supporto del Dipartimento Dipendenze della nostra Unità Locale Socio Sanitaria.
Lo definiremo anche con la presentazione pubblica dei dati sul gioco nella Provincia di Belluno, aggregati Comune per Comune, così come forniti dalla nazionale Agenzia competente grazie alla preziosa collaborazione della nostra Prefettura.
Scatteremo assieme una fotografia sulle dimensioni e sul disagio che colpisce il nostro territorio e cercheremo di esaminare quali possano essere le giuste risposte. Durante il Convegno verrà infatti presentata una proposta di Regolamento comunale per la limitazione del gioco d’azzardo elaborata con il Centro Studi Bellunese e il supporto legale dello Studio Gaz di Feltre.
La proposta verrà esposta e discussa per valutare con l’equilibrio necessario provvedimenti volti a contenere l’impatto sul territorio del gioco d’azzardo, anche se lecito, in cui concretamente confliggono la libera iniziativa privata e la tutela della salute pubblica. Interventi che vanno introdotti a tutela delle fasce di consumatori più vulnerabili per prevenire la diffusione della dipendenza e le conseguenze sociali che ne  derivano, che rientrano a pieno nella materia della salute pubblica, quindi negli specifici poteri dei sindaci cui la carta costituzionale attribuisce la responsabilità di tutela.
La nostra speranza è che quest’appuntamento sia colto dalle varie Amministrazioni bellunesi come occasione per avviare su questo tema un coordinamento volto ad adottare o uniformare regolamenti già esistenti, in modo da fornire assieme risposte unitarie e territorialmente omogenee.

Il nostro lavoro si è sviluppato in questi mesi in modo proficuo anche per il coinvolgimento di Istituzioni importanti che vogliamo ringraziare per la responsabilità, la disponibilità e l’impegno manifestatoci. Oltre la già citata Prefettura e il Dipartimento Dipendenze della nostra ULSS, anche l’Ufficio Scolastico Territoriale si è manifestato come un interlocutore sensibile che ha ben presente la criticità che assumono i rischi dell’azzardo nell’età adolescenziale, soprattutto per mezzo del gioco on line.
Con questi interlocutori istituzionali e con le numerose associazioni che costituiscono il nostro Coordinamento provinciale fin dalla sua formazione stiamo costituendo un tavolo di coordinamento che consenta una più vasta e coerente azione prima di tutto educativa e, quindi, di contrasto al gioco d’azzardo patologico, agli abusi e all’illegalità.
Seguendo quella che è la linea del nostro movimento proseguiremo anche quest’anno nell’opera di informazione e sensibilizzazione pubblica con l’organizzazione, dopo la prima felice esperienza dello scorso maggio, di una vera onda di SlotmobFest che attraverserà la nostra provincia, sia per ringraziare pubblicamente e premiare quei locali che hanno detto NO all’installazione delle slotmachines sia per
promuovere le buone relazioni interpersonali che solo il buon gioco può costruire.

Il calendario con tutti gli appuntamenti verrà presentato nelle prossime settimane.
Già più locali hanno dimostrato interesse ad ospitare anche quest’anno la manifestazione che va via via prendendo forma e quindi -ha concluso Rossato – rivolgiamo ora questo nostro invito pubblico a tutte le associazioni e a tutti i gruppi di cittadini bellunesi che, nel caso volessero prendere parte attivamente a questa festa, possono rivolgersi al nostro coordinamento facendo riferimento alla seguente e-mail o ai seguenti referenti.

e-mail: coordinamentoslotmobbelluno@gmail.com
referenti :

MILENA NART 348 9139673
MARCO ROSSATO 339 1305039
URBANO BONA 329 4051484
CRISTINA DE DONÀ 329 1669298

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.