13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 26, 2020
Home Cronaca/Politica Il pasticcio della Pedemontana veneta. Berti, Baldin, Brusco, Scarabel: "I privati investono...

Il pasticcio della Pedemontana veneta. Berti, Baldin, Brusco, Scarabel: “I privati investono zero e guadagnano il 90%, grazie a Zaia che mette ancora le mani in tasca ai veneti”

Jacopo Berti

Erika Baldin

Il privato prende tutto e i veneti sborsano. La Pedemontana si prospetta come un pessimo affare per i cittadini del Veneto, che si trovano di fronte a un concessionario  al quale è concesso tutto. A puntare il dito sul pasticcio della Pedemontana veneta e sulle sue ripercussioni immediate e future sono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Jacopo Berti, Erika Baldin, Manuel Brusco e Simone Scarabel.

I quattro sono usciti dall’aula questa mattina al momento del voto in Prima e Seconda commissione, per testimoniare tutto il proprio sdegno per una vicenda che la maggioranza consiliare e il governo veneto stanno portando avanti a marce forzate.

Manuel Brusco

Simone Scarabel

“Noi veneti siamo un popolo di imprenditori – ricordano i consiglieri – non ci vengano a prendere in giro, qua il privato senza pagare nulla avrà ricavi per miliardi di euro. Quale business, investendo zero euro e con zero rischi, ti dà il 90% di ricavi lordi?”.

“Il privato ha usato fino ad oggi solo soldi pubblici, e parliamo di 615 milioni di euro – proseguono i pentastellati – ne ha messi zero e dopo 6 anni siamo ancora circa al 20% dei lavori! Oggi hanno pure finito i soldi e vengono a chiederli di nuovo a noi.

E Zaia cosa fa?

Pur di salvare il concessionario tradisce i veneti e mette le mani in tasca a tutti noi per dare i soldi ai privati. Deve essere un sogno fare affari con la Regione Veneto: paga il pubblico ed i ricavi se li tiene il privato. Ma come è possibile che, a fronte di un privato che non fa quello che dovrebbe fare, Zaia decida di mettere le mani in tasca a tutti noi per salvarlo?”.

“E non è tutto – proseguono gli esponenti del Movimento 5 Stelle – perché la Regione metterà immediatamente nelle mani del privato 300 milioni di euro provento delle tasse, che serviranno al concessionario come fidejussione per farsi finanziare dalla banca. Ma non si è vista mai una fidejussione che si trasforma in denaro sonante prima ancora che si vada in banca”.

“Qui c’è qualcosa che non quadra – è il commento dei consiglieri – il privato prende tutto, tanto subito quanto in futuro. E i veneti si ritroveranno a pagare ancora una volta per coprire lo squilibrio assoluto fra pubblico e concessionario. Questo è inaccettabile e chi ha deciso di portare avanti questo progetto dissennato senza neppure ascoltare le minoranze dovrà risponderne davanti ai veneti, traditi sull’altare degli interessi da chi aveva fatto loro un sacco di promesse appena due anni fa”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Si cerca un escursionista tra i sentieri dell’Alpago e il Pordenonese

Aviano (PN), 26 - 05 - 20  Il Soccorso alpino dell'Alpago sta intervenendo in zona Semenza, Forcella Bassa, comune di Tambre, in supporto al...

Giustizia di prossimità, un ufficio Uepe a Belluno. Addamiano: ”Costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale...

“E’ ufficiale, sono stati costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale esterna (Uepe). Vi sono inoltre...

Mondiali sci Cortina. De Menech: “Comprensibile il rinvio al 2022”

Belluno, 25 maggio 2020  «Era tutto pronto, dal punto di vista organizzativo e sportivo, ma la decisione del Coni e della Fisi di spostare di...

Appena uscito dal carcere ruba un’auto e due bici. Arrestato dalla Volante e incarcerato in un’ora

E' durata poco la libertà a B.A.S. tunisino 50enne con precedenti penali, che appena scarcerato dalla Casa circondariale di Baldenich ha ripreso immediatamente il...
Share