13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 1, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Giornata internazionale della Donna: siglato l'accordo quadro sulle molestie e la violenza...

Giornata internazionale della Donna: siglato l’accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro tra Confindustria Belluno Dolomiti e Cgil, Cisl e Uil

 

In data odierna Cgil Belluno, Cisl Belluno Treviso, Uil Treviso Belluno e Confindustria Belluno Dolomiti hanno siglato un’intesa che recepisce l’Accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro raggiunto il 26 aprile del 2007 dalle rispettive rappresentanze a livello europeo e l’accordo nazionale firmato da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria il 25 gennaio 2016. L’intesa siglata a Belluno alla vigilia della Giornata internazionale della donna riafferma che le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro sono inaccettabili e vanno denunciate, sottolineando che le imprese e i lavoratori hanno il dovere di collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignità di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali, basate su principi di eguaglianza e reciproca correttezza.

Cgil, Cisl, Uil e Confindustria si impegnano inoltre a dare ampia diffusione all’accordo, in particolare presso i propri associati, lavoratori e lavoratrici, e a promuovere i principi dell’accordo nei luoghi di lavoro, anche attraverso la stipula di protocolli aziendali sul tema. Le parti sociali e datoriali si impegnano inoltre a promuovere iniziative di informazione e formazione all’interno delle aziende e delle strutture sindacali e legali, verificando la possibilità di accedere ai finanziamenti per la formazione, e individueranno fin d’ora come punto di riferimento il/la Consigliere di Parità provinciale che potrà avvalersi del supporto tecnico delle strutture pubbliche o private, senza scopo di lucro, esistenti nel territorio.

Le parti, infine, avvieranno un’azione di monitoraggio del fenomeno sulla base della quale valutare eventuali interventi sulle istituzioni a favore delle strutture destinate a contrastare i fenomeni.
“Si tratta – affermano Mauro De Carli (Cgil), Rudy Roffarè (Cisl) e Luciano Zaurito (Uil) – di un accordo fondamentale per definire le modalità operative in caso di discriminazioni o molestie nei confronti delle donne e, più in generale, di tutte le lavoratrici e i lavoratori vittime di comportamenti violenti sul luogo di lavoro. Le parti firmatarie dell’Accordo hanno infatti condiviso l’impegno reciproco del porre in essere azioni che non siano solo mirate allo sviluppo dell’informazione e della formazione, ma anche al garantire supporto e sostegno alle lavoratrice e lavoratori che dovessero trovarsi vittime di tali riprovevoli atti”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share