Monday, 25 September 2017 - 20:52

Musica , letture e colori. Martedì a Palazzo Fulcis, l’originale proposta di SlowMachine

Feb 26th, 2017 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Giardino Palazzo Fulcis

Martedì 28 febbraio alle ore 19:00, verrà presentato a Palazzo Fulcis lo studio di un nuovo progetto offerto e firmato da SlowMachine, nato da alcune riflessioni sul rapporto tra colore e musica.
SlowMachine infatti, per festeggiare la nascita del nuovo Museo Civico, punto di riferimento culturale nella città di Belluno, ha voluto dare il suo contributo con un intervento che affrontasse il tema artistico attraverso una contaminazione di generi. Un concerto, una lettura, un intreccio sonoro che suggerisce, mediante le parole di grandi pensatori e artisti, un legame tra differenti sfere sensoriali, la vista e l’udito. L’invito è quello di abbandonarsi alla possibilità di mescolare colore e suono in una sinestesia che nel corso dei secoli ha preso forme e dato vita alle più differenti riflessioni e suggestioni. Un augurio ai visitatori di Palazzo Fulcis di lasciarsi toccare dalle opere esposte non solo attraverso il senso della vista…
I brani, che verranno letti da Elena Strada, sono tratti da Isaac Newton, Johann Wolfgang Goethe, Charles Baudelaire, Giovanni Pascoli, Rudolf Steiner, Alexandr Skrjabin, Wassilij Kandinskij, Oliver Sacks e altri, accompagnati dalle sonorità sperimentali del pianista Alberto Forino e con la supervisione artistica di Rajeev Badhan.

Visto il limitato numero di posti la prenotazione è obbligatoria.
CREDITS
Con Elena Strada
Al pianoforte Alberto Forino
Supervisione artistica Rajeev Badhan
Un progetto SlowMachine

Elena Strada e Rajeev Badhan

SLOWMACHINE
Nasce formalmente nel 2012 a Belluno come compagnia teatrale professionale fondata da giovani under 35 con un percorso di studi solido e prestigioso nell’ambito del teatro, della progettazione e della produzione dell’arte. Dalla sua nascita SlowMachine ha realizzato i seguenti spettacoli: “Primo Canto per Voce e Tempesta” di Massimo Sgorbani, “VideoDran”, “Il Giardino Delle Rose”, il reading musicale “Zenzero&Nuvole” e nella sezione teatro ragazzi: “Le Fiabe dei Fratelli Grimm”, “Babbo Natale Rock” e la lettura scenica “L’uomo con la valigia”.
Nel 2013 il gruppo inizia un dialogo con l’amministrazione Comunale di Belluno entrando poi nel settembre 2014, con il progetto dal titolo “Fare Un Luogo”, a far parte del nuovo assetto del Tetro Comunale voluto dalla Fondazione Teatri delle Dolomiti e dal Comune di Belluno, denominato “Residenza Teatrale Bellunese”. A dicembre 2014, nell’ottica di ricostruire il Luogo Teatro, farlo vivere in modo più attivo e attraverso lo sviluppo di un pubblico partecipe e critico, nasce presso il Teatro Comunale di Belluno la prima edizione di BELLUNO MIRAGGI un’innovativa Stagione Teatrale, ideata e sotto la direzione artistica e organizzativa di Rajeev Badhan, regista ed attore nato a Feltre (BL) nell’83 laureatosi allo IUAV di Venezia, che ha studiato al Centro Sperimentale di Cinematografia e che si è diplomato all’Accademia Teatrale Veneta ed Elena Strada attrice nata a Brescia nell’84 laureatasi al DAMS di Padova e diplomatasi all’Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine. SlowMachine organizza e cura anche diversi progetti di formazione teatrale. Dal 2015 SlowMachine sta portando avanti un ulteriore progetto, la riqualificazione in luogo artistico di uno spazio comunale dismesso denominato “Hangar11” all’interno dell’ex-caserma Piave.

ELENA STRADA
Dopo essersi laureata al DAMS di Padova, si diploma nel 2010 all’Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine  e si specializza poi con un Master in recitazione cinematografica presso il csc-Centro Sperimentale di Cinematografia.
Segue nel contempo un percorso di formazione personale attraverso numerosi laboratori con professionisti del settore e maestri del teatro contemporaneo, come Romeo Castellucci, Rodrigo Garcia, Luca Ronconi e altri, anche presso La Biennale College di Venezia. Nel 2012 è tra i fondatori della Compagnia SlowMachine. E’ ideatrice e organizzatrice dal 2014, insieme a Rajeev Badhan, della stagione teatrale_BELLUNO MIRAGGI presso il Teatro Comunale di Belluno dove cura la direzione artistica, l’ufficio stampa e la comunicazione. Lavora come attrice con il ctb-Teatro Stabile di Brescia e come attrice e assistente alla regia con varie compagnie teatrali tra Brescia, Venezia, Udine e Lugano.

ALBERTO FORINO
Si è diplomato in pianoforte presso il conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia nel 2009 sotto la guida del M° Alberto Ranucci. Dal 1999 si interessa anche a studi di carattere jazzistico e alla musica improvvisata, che ha approfondito con Roberto Soggetti e Paolo Birro. Nel 2012 si è diplomato presso i Civici corsi di Jazz di Milano sotto la guida di Franco D’Andrea. Da alcuni anni partecipa stabilmente ai laboratori di improvvisazione diretti da Stefano Battaglia. In ambito jazz e di musica leggera e d’autore fa parte di numerose formazioni con diversi organici. È membro fondatore del Late Train Trio, che propone una rilettura contemporanea di songs degli anni ’20 e ’30. È membro del Name Urge Quartet, una formazione diretta dal sassofonista e compositore Giuseppe Santangelo. Negli ultimi anni si dedica anche all’improvvisazione radicale e alla composizione. Molto attivo anche nel teatro musicale, ha scritto, curato e partecipato alla realizzazione di musiche per diversi spettacoli. Da diversi anni affianca all’attività concertistica anche un’intensa attività didattica.

INFO E PRENOTAZIONI
Per prenotazioni scrivere a cultura@comune.belluno.it / Tel. 0437 913108

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.