Thursday, 24 August 2017 - 08:43

Buco di 422 milioni del Servizio sanitario nazionale. D’Incà: “Il governo intervenga”

Feb 13th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Sanità

Federico D’Incà, deputato Movimento 5 Stelle

“Il Governo intervenga sull’ennesimo pasticcio che rischia di essere pagato, ancora una volta, dai cittadini italiani e che lede il diritto alla salute, in questo Paese sempre meno garantito”. Lo afferma il parlamentare del Movimento 5 Stelle Federico D’Inca.

“Era chiaro sin dall’approvazione della legge finanziaria 2017 (Comma 392) che le regioni a Statuto speciale non avrebbero trovato un accordo aprendo un buco nei conti del Servizio sanitario nazionale di circa mezzo miliardo. Parliamo – spiega il deputato – dell’intesa raggiunta sul riparto delle quote dei tagli ai bilanci regionali per far fronte al contributo alla finanza pubblica previsto dalla legge di Bilancio 2016, intesa da cui si sono sfilate le Regioni speciali Sardegna e Friuli Venezia Giulia”.

“Adesso il rischio concreto è che i 422 milioni di euro che verrebbero a mancare, verranno sottratti dal fondo sanitario nazionale, che deve già fare i conti con l’applicazione dei nuovi LEA. Questo dimostra una incapacità di gestione da parte del ministero che rivede continuamente al ribasso il finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale a partire dall’approvazione del patto della salute 2014-2016. Non è più tollerabile che il governo faccia cassa sulla pelle dei malati, la Lorenzin si attivi per impedire questo nuovo schiaffo alle regioni e ai cittadini”, afferma il parlamentare pentastellato e conclude:

“Altrimenti sarà sempre il bellunese ad essere l’ultima ruota del carro, il settore più fragile della sanità veneta, unica Provincia ad essere incastrata tra una Regione e due Province a Statuto speciale”.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.