13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 30, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Slackline sulla Gusela. Dura posizione del direttore del Parco Nazionale delle Dolomiti...

Slackline sulla Gusela. Dura posizione del direttore del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

L’iniziativa di un gruppo di giovani che hanno praticato lo “slacklining” proprio sulla Gusela del Vescovà, tra le più belle vette delle Dolomiti, ha scatenato la reazione comprensibile del CNSAS (Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico) ed anche del SUEM (servizio di urgenza ed emergenza medica), della ULSS1 come hanno riportato i giornali negli ultimi due giorni. “Io stesso, dice il Direttore del Parco Antonio Andrich, sono stato avvisato dell’accaduto da Fabio Bristot del CNSAS, che si è preoccupato gentilmente di mettermi al corrente e con il quale ci siamo scambiati alcune riflessioni”. Non dimentichiamoci, infatti, che siamo all’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.
Assolutamente condivisibili le preoccupazioni sollevate sia nel merito delle mancate autorizzazioni sia sotto il profilo della sicurezza di chi si occupa di soccorso in montagna, soprattutto in relazione al volo dell’elicottero.
A questo si aggiunga che ci troviamo all’interno di un’area protetta ed in particolare in una zona di riserva generale orientata, all’interno della quale il Piano del Parco consente la fruizione turistica, attraverso la rete sentieristica, e le attività sportive tradizionali, quali l’escursionismo e l’alpinismo ovviamente nei modi e periodi che non arrechino disturbo o danno alle componenti tutelate. “Sicuramente tale performance non si configura tra le attività sportive tradizionali, specifica il Direttore, e l’organizzazione e attuazione di manifestazioni sportive o altre attività ludico-ricreative collettive necessita di adeguata autorizzazione. Pertanto ho già interessato il Coordinamento Territoriale Ambiente del Corpo Forestale dello Stato, organo vigilante all’interno dell’area protetta, per avviare le opportune verifiche su quanto accaduto e valutare le eventuali azioni da intraprendere”.
C’è solo da augurarsi che tali fatti non si ripetano e che la spinta verso imprese estreme o sensazionali non offuschi il senso del rispetto delle persone, delle Istituzioni e delle regole.

Share
- Advertisment -

Popolari

Zaia anticipa il governo e allenta la morsa. Mascherine solo al chiuso. Ecco la nuova ordinanza in vigore da lunedì 1° giugno

Con ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020, in vigore da lunedì 1° giugno, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha modificato...

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...
Share