Monday, 14 October 2019 - 01:01
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Slackline alla Gusela del Vescovà

Dic 26th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Sono tre ragazzi di Belluno, dai 24 ai 29 anni, esperti alpinisti e sportivi della montagna gli acrobati della slackline, la fettuccia in tessuto sintetico tesa sabato tra la Gusela del Vescovà e l’estremità ovest della forcella.

“La slack è stata montata prima del tramonto (di venerdì ndr) – racconta uno di loro – per godere del tipico colore rosso di cui si illumina la maestosa Schiara. Dopodiché abbiamo detensionato la fettuccia ed ancorata alla forcella per poi ritensionarla con le prime luci dell’alba”.

La performance dei tre ragazzi si è conclusa nella mattinata di sabato, la vigilia di Natale.  “Per le ore 11 era tutto smontato – prosegue uno dei tre atleti dello slacklining – . Ci terremo a precisare che la linea non è mai rimasta “incustodita” e che ci eravamo messi d’accordo tra di noi che al rumore di elicottero avremmo tagliato la linea e smontata, quindi nel giro di 10 secondi”.

 

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. I ragazzi sono stati incauti, ma tutto questo eco mediatico è ridicolo. Bristot è per caso candidato sindaco di Belluno? Mi auguro non sia una mossa per stare sui giornali e farsi campagna, perchè già il suo operato è stato discutibile in diverse occasioni. Detto questo, ho trovato ridicolo anche che il giorno dopo l’elisoccorso sia passato proprio là. Bastava un richiamo pubblico, non queste prese di posizione così rigide. Continuate così che sicuramente contribuirete al ripopolamento di una provincia che ormai è ai minimi storici come mood e prospettive giovanili. Bravi!

  2. Pienamente d’accordo. E’ molto più facile insultare dietro una tastiera senza nemmeno aver mai provato o visto una slack line. E complimenti anche a chi ricopre cariche pubbliche o aspira a queste, invece di mediare ha subito cercato i facili consensi sui social. Chissà come mai in Trentino questi atleti collaborano e cooperano con istituzioni e soccorsi, chissà poi come mai là vengono fatti eventi con migliaia di persone che rimpolpano le casse di albergatori e commercianti.