13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 4, 2020
Home Cronaca/Politica Sicurezza. La proposta di Roberto De Moliner e Patrizia Burigo:  una rete...

Sicurezza. La proposta di Roberto De Moliner e Patrizia Burigo:  una rete civica wireless per il controllo del territorio.

Patrizia Burigo

Roberto De Moliner

In merito all’ultima ondata di furti che hanno riguardato anche alcuni nostri concittadini, è sempre più evidente la necessità di aumentare il livello di vigilanza del territorio, un territorio ricco di frazioni e borgate che appaiono in questi frangenti le più vulnerabili dal punto di vista della sicurezza, in quanto è difficile assicurare un controllo adeguato per limitare il numero di atti delinquenziali.

Lo sostengono i consiglieri comunali Roberto De Moliner (Pd) e Patrizia Burigo (Tutti per Belluno) attraverso una interrogazione che sarà esaminata dal consiglio comunale di Belluno di giovedì 22 dicembre.

“Ritengo che alle forze dell’ordine non possiamo imputare un deficit sulla lotta alla criminalità – precisa De Moliner –  in quanto sulla base del numero di agenti e delle risorse a loro disposizione sono convinto che stiano dando il massimo. Pertanto ritengo che l’unico deterrente a questi episodi e anche di aiuto alle forze dell’ordine per l’individuazione dei delinquenti, sia un sistema capillare di video sorveglianza sul territorio sia da parte del pubblico ma anche da parte dei privati.
A tale proposito, da molti anni propongo all’Amministrazione comunale di turno, che si doti di una rete civica wireless che copra l’intero territorio comunale, infrastruttura relativamente poco costosa, ma molto flessibile, che consente di installare ad ogni evenienza in qualsiasi luogo in tempi rapidi e a basso costo, varie strumentazioni di controllo quali ad esempio, controllo dei cassonetti o piazzole ecologiche, in futuro il telecontrollo gestionale dei lampioni, sistemi di controllo alla viabilità, smottamenti idro-gelogici e frane sul territorio, la possibilità di mettere a disposizioni un servizio gratuito wi-fi ai turisti e una video sorveglianza capillare, tutti controlli e servizi importanti che con il collegamento via cavo o fibra, vedrebbero tempi e costi aumentare, e quindi non corrispondenti all’esigenza specie in situazioni d’urgenza, dove necessita un controllo in tempi brevi”.

Tutto ciò premesso – concludono i consiglieri – chiediamo:
1) Se l’Amministrazione Comunale, nei programmi a breve termine, intende dotarsi di una rete civica comunale Wireless che copra il territorio comunale;
2) Se intende estendere anche alle frazioni l’attuale sistema di video sorveglianza .

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Giornata di pulizia in Nevegal, 40 volontari in azione sui sentieri

Grande successo per l'iniziativa di sfalcio e pulizia dei sentieri del Nevegal, che questa mattina ha raccolto ben 40 volontari che dalle 7.30 fino...

Code in Alemagna, Padrin: «Nell’estate della montagna non possiamo permetterci di perdere turisti per colpa degli ingorghi»

«Non possiamo più sopportare gli ingorghi del traffico. In un’estate che potrebbe essere quella giusta per la nostra montagna, non possiamo permetterci il rischio...

Due interventi in montagna

Alle 13.40 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sorgenti del Piave, a Sappada (UD), dove un ciclista era...

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...
Share