Thursday, 17 October 2019 - 08:20
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Nuoto esordienti Belluno: sei podi a Pieve di Soligo

Dic 16th, 2016 | By | Category: Sport, tempo libero

 

Secondo appuntamento stagionale nell’attività interzona per gli Esordienti della Sportivamente Belluno: domenica scorsa, a Pieve di Soligo, erano in 18 per quanto riguarda la fascia B. E si tratta di un gruppo in continua crescita, guidato dal tecnico Maria Elena Canova.

Subito podio, nei 50 dorso, per Luca Odolo, bravo ad agguantare una sudata terza posizione, e applausi pure per Giulia Signoretto ed Elisa Pettenò, che nei 100 rana hanno toccato il muro finale nello stesso momento, conquistando la terza piazza a pari merito. Vola anche la staffetta maschile (Odolo, Zambito, Brida, Sponga), capace di conquistare il secondo posto. Serpeggia un po’ di rammarico, invece, per quella femminile (Pettenò, Signoretto, Porta, Sommacal): quarta.

In merito ai 200 stile, buoni risultati per Davide Zambito e Giacomo Sponga, che hanno abbassato di molto i loro personali: nona assoluta, invece, Sara Sommacal, mentre Greta Porta si è classificata quarta nel suo anno di nascita. Un plauso poi al resto della squadra: Gianluca Ariano, Giacomo Bianchini, Andrea Frisaldi, Andrea Losito, Tomaso Miari Fulcis, Serghej Scandiuzzi, Ivan Sommacal, Benedetta Agostini, Camilla Caldart ed Eleonora Meneghel.

Fra gli Esordienti A, Massimo Marsala Zambito è riuscito ad abbattere il muro dei 30″ (29”6) e a ottenere l’argento nei 50 stile. Record personale pure per Alessandro Salatin, settimo. E settima, del suo anno, si è piazzata Eleonora Cannazza. Altro podio, questa volta nei 200 rana: a firmarlo è stato Tommaso Fant, protagonista di uno splendido bronzo. Nella stessa specialità, sesto Gabriele Porta e ottavo Massimo Marsala Zambito, mentre è degna di nota la prova di Sofia Emilia Caldart, terza del suo anno. Complimenti anche a Nestore Casagrande, Alessandro Facchin, Marinella Pettenò, Giada Panciera, Francesca Prest e Giulia de Min.

In chiusura, traccia un quadro della situazione il responsabile e tecnico del settore agonistico targato Nuoto Belluno, Thomas Lorenzi: «Abbiamo un organico forte e ben strutturato, nonostante la nostra sia una piccola realtà. A differenza delle blasonate squadre trevigiane e veneziane, riusciamo a ritagliarci il nostro spazio. Siamo in continua crescita e gli atleti ci regalano sempre grandi emozioni. Questi ragazzi sono davvero da ammirare: si allenano quotidianamente per 2 ore. E non è poco, tenendo conto che si tratta di ragazzini dai 7 ai 12 anni. Il lavoro paga e noi tecnici ci mettiamo a disposizione per creare un clima e un team positivo. Ma anche per offrire un servizio sempre più attento ai singoli: da gennaio, la squadra si avvarrà poi della figura di una fisioterapista, che seguirà lo sviluppo fisico e posturale degli atleti».

Share

Comments are closed.