Thursday, 22 August 2019 - 06:48
direttore responsabile Roberto De Nart

Boschi a Natale 2016. Domenica 11 dicembre 14 proposte di visita tra parchi e oasi da Sappada a Sospirolo

Dic 9th, 2016 | By | Category: Appuntamenti, Meteo, natura, ambiente, animali, Pausa Caffè

Torna per il quarto anno l’iniziativa BOSCHI A NATALE promossa dalla Regione Veneto con le Pro Loco dell’Unpli Veneto che in questa edizione 2016 ha più che raddoppiato le proposte. Domenica 11 dicembre sono infatti ben 14 gli appuntamenti che valorizzano località affascinanti ma spesso poco note: ci grandi Parchi naturali del Veneto, ma anche piccole oasi naturalistiche. Luoghi troppo spesso poco frequentati nella stagione invernale che invece sa offrire colori e scenari di particolare suggestione. Se a questo si aggiunge una bella camminata in compagnia e un ristoro finale a base di piatti della tradizione locale, ecco che la formula risulta vincente. Tre sono le proposte nelle province di Belluno, Treviso e Venezia; 2 due nei territori di Rovigo e Verona, una nel Vicentino. Tutte le escursioni sono adatte alla famiglia, si va da un massimo di 4 ore di passeggiata ad un’ora e mezza. Alcuni dei percorsi sono anche adatti ai non vedenti e alle persone con disabilità motoria e sono indicati nella mappa con specifica icona. La prenotazione è gradita e va effettuata 3 giorni prima dell’escursione (0438.893385 / 334.2936833). E’ un Veneto da vivere slow, tra natura e buon cibo per una domenica dedicata all’attività all’aria aperta, ideale per gruppi e famiglie. Qui le info: http://www.unpliveneto.it/2016/11/22/11-dicembre-torna-boschi-a-natale-2016-2/

“Un progetto che nasce dalla volontà di promuovere e valorizzare le aree boschive e i parchi regionali del Veneto nel minore periodo di affluenza – afferma l’Assessore regionale al Territorio e ai Parchi, Cristiano Corazzari – resa possibile dai volontari dell’Unione delle Pro Loco, grazie al cui inestimabile impegno si potrà trascorrere una domenica immersi nella natura ma anche nella cultura di questi luoghi di pianura e di montagna, conducendo così i visitatori alla scoperta di luoghi affascinanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico”.

“Il progetto Boschi a Natale – aggiunge Giovanni Follador, presidente regionale dell’Unpli – quest’anno tocca sei province, ha come obiettivi far scoprire ed ammirare la bellezza di luoghi ancora poco conosciuti grazie alle guide naturalistiche, ma anche accogliere i partecipanti grazie alle Pro Loco e ai volontari che amano e vivono il proprio territorio e che cureranno le degustazioni a base di prodotti e ricette tradizionali. Un modo di vivere in maniera autentica il territorio. Un grazie alla Regione per aver sostenuto il nostro progetto e un grazie a tutte le Pro Loco sempre in prima fila, con un progetto di rete e di squadra, per promuovere il nostro Veneto “verde””.

Sospirolo (BL) ore 10

Il bosco di Cornia

Punto di ritrovo: Località Torbe Casera, Sospirolo

Il lago di Vedana è un piccolo specchio d’acqua di origine glaciale situato nel territorio comunale di Sospirolo, non presenta immissari ed emissari, costituendo cioè un bacino endoreico. Il lago giace in una zona di grande interesse naturalistico, alle porte del Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi; occupa una piccola depressione causata da un antico alveo del fiume Cordevole, all’interno di una zona denominata Masiere, un’ampia distesa di grossi massi e detriti ormai ricoperta in larga parte da vegetazione pioniera.. Il lago di Vedana e i prati torbosi de “Le Torbe” costituiscono delle “oasi umide”.. Nei pressi di San Gottardo sorge la Certosa di Vedana, antico monastero certosino.

Perarolo (BL) ore 10

Area Wilderness Valmontina

Punto di ritrovo: località Macchietto, Perarolo

La Val Montina è la prima area wilderness alpina di rilevanza europea, localizzata nel comune di Perarolo di Cadore e attualmente gestita da Veneto Agricoltura. Si tratta di una zona incontaminata, dove la natura si presenta inalterata, allo stato selvaggio e ricca di biodiversità. Un patrimonio naturalistico, definito infatti area SIC (Sito di Interesse Comunitario) e ZPS (Zona di Protezione Speciale), particolarmente importante per il territorio provinciale, che conserva al suo interno specie vegetali e animali non visibili altrove. Una valle impervia che è possibile raggiungere attraverso limitate vie d’accesso e abbandonata dall’uomo dalla fine dell’Ottocento. Un paradiso terrestre che custodisce numerose specie di animali tra cui l’aquila reale, il gallo cedrone, l’astore o ancora il cervo, la marmotta, lo stambecco.

Sappada (BL) ore 10

I Boschi e le borgate di Sappada Vecchia

Punto di ritrovo: Borgata Bach 163, Sappada

Già dal 1600, le borgate di Sappada venivano indicate con il termine Colli o Masi. L’equivalente termine tedesco Hof si trasformò, col passare del tempo, in heifele, che significa appunto borgata. Sono 15 le borgate che si susseguono sul versante nord della valle, quello meglio esposto al sole. Le frazioni più antiche – le borgate Mühlbach, Cottern, Hoffe, Fontana, Kratten, Soravia, Ecche e Puiche – costituiscono quella che viene identificata come “Sappada Vecchia”. Ogni borgata è un nucleo a sé, in cui la vita sociale, soprattutto in passato, si concentrava tra la fontana e la chiesa (o chiesetta, o cappella) della frazione e oggi ci porta nel cuore e nella storia di questa felice isola linguistica germanica.

Share

Comments are closed.