Tuesday, 22 October 2019 - 10:58
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Defr, le priorità del Pd: “Calo demografico, ambiente e infrastrutture. 14 milioni per il referendum sull’autonomia, Zaia dica quale autonomia”

Dic 6th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

regione veneto 280x200“Dobbiamo tornare a rendere il Veneto una regione attrattiva e i problema da affrontare sono tanti. A partire dal declino demografico: per quanto riguarda l’assistenza, i servizi alle famiglie, non stiamo facendo a sufficienza. Occorre dare prospettive alle nuove generazioni. Non bastano gli aridi numeri per dire che siamo fuori dalla crisi, lo vediamo quotidianamente. Nel 2015 circa 100mila italiani hanno abbandonato il nostra Paese, oltre novemila sono veneti, siamo i secondi per numero di emigranti”.

Questo è solo uno dei temi posti all’attenzione del Partito Democratico in aula durante la discussione sul Defr (Documento di economia e finanza regionale).
“Un’altra criticità – aggiungono i consiglieri democratici in una nota – è l’emergenza ambientale: servono risorse per bonificare le acque inquinate da Pfas, sono necessarie misure per ridurre l’inquinamento atmosferico, investendo sulla mobilità sostenibile, accelerando sull’integrazione ferro-gomma e spingendo sul biglietto unico per i trasporti, la cui sperimentazione non è ancora avvenuta”. In tema di infrastrutture, il gruppo consiliare del Partito Democratico ha chiesto chiarimenti sulla Pedemontana: “Occorre risolvere prima possibile l’impasse della Superstrada, chi vince un project financing deve dimostrare di avere le risorse finanziarie. Non si può chiedere che sia lo Stato a risolvere i problemi creati da un contratto e un piano finanziario approvato in Veneto”.

Nel corso del dibattito gli esponenti del PD hanno fatto anche un passaggio sui 14 milioni destinati al referendum sull’autonomia: “Una consultazione del genere ha senso se sappiamo qual è il contenuto, altrimenti la spesa è inutile. Sappiamo che i veneti vogliono l’autonomia, vogliamo che Zaia dica finalmente quale autonomia, su quali materie, con quali risorse”

Share

Comments are closed.