Tuesday, 20 August 2019 - 02:44
direttore responsabile Roberto De Nart

Appia – Cna: 25 milioni per gli artigiani. Accordo per favorire l’accesso al credito degli associati

Nov 22nd, 2016 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore
Moreno De Col

Moreno De Col

25 milioni di euro di nuove risorse a disposizione delle oltre 2.000 imprese associate all’ Appia Cna di Belluno: è quanto messo a disposizione per il rilancio e il consolidamento del tessuto economico-produttivo locale da Veneto Banca d’intesa con l’associazione di categoria.

Veneto Banca ha stanziato un plafond di 25 milioni di euro per supportare sia i piani strategici di investimento a medio-lungo termine sia le necessità più immediate delle imprese: finanziamenti a condizioni agevolate secondo una scala di rating condivisa e spese minime di istruttoria.

“Fa piacere – precisa il presidente dell’Appia Moreno De Col constatare che pur nelle difficoltà, peraltro in via di superamento, che hanno interessato l’Istituto ci sia la volontà di continuare e se possibile rafforzare, la presenza della banca sul territorio a favore dell’imprenditoria diffusa bellunese mettendo a disposizione un plafond impieghi a condizioni di sicuro interesse. Starà alle imprese cogliere questa nuova opportunità sapendo di poter contare nella fase di interlocuzione con la banca sul nostro consorzio fidi, Sviluppo Artigiano, e sulla sua capacità di assicurare consulenze e garanzie.”

“Le nostre aziende vanno sostenute nella concretezza delle loro necessità, nell’operatività quotidiana come negli investimenti di più ampio respiro – sottolinea Oreste Felice Invernizzi, direttore Mercato di Veneto Banca –, per questo lavoriamo per mettere a disposizione linee di credito e servizi come quelli previsti nell’ambito del plafond sottoscritto con Appia Cna Belluno”. “Siamo in prima linea con le aziende e le associazioni di categoria per rispondere con efficacia alle loro esigenze e sostenere così il tessuto produttivo e occupazionale. Non a caso, oltre agli accordi già siglati, ne seguiranno altri con le principali associazioni di categoria delle regioni italiane dove siamo presenti”.

Share

Comments are closed.