Wednesday, 18 September 2019 - 07:04
direttore responsabile Roberto De Nart

Nuovi sbocchi commerciali. Confindustria Belluno Dolomiti guarda al Vietnam

Ott 14th, 2016 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore
Palazzo Doglioni Dalmas sede di Confindustria Belluno Dolomiti

Palazzo Doglioni Dalmas sede di Confindustria Belluno Dolomiti

Belluno, 14 ottobre 2016 – Nuovi sbocchi commerciali per nuove occasioni di business, Confindustria Belluno Dolomiti guarda, anche, al lontano Vietnam e approfittando della visita a Belluno del vice ambasciatore in Italia della Repubblica socialista del Vietnam, Bui VuongAnh, ha organizzato un incontro tenutosi oggi venerdì 14 ottobre nella propria sede di Palazzo Doglioni Dalmas al quale hanno partecipato alcune aziende associate interessate a conoscere la realtà e a sviluppare relazioni commerciali con questo paese.
Una nazione in forte espansione, caratterizzata da circa 90 milioni di abitanti, il 60% dei quali sotto i 35 anni con un mercato di grandissimo potenziale, che apprezza la qualità ed il fascino dei prodotti made in Italy”, il Vietnam, sta diventando un paese sempre più organizzato anche se ancora lontano dagli standard occidentali e per il suo tasso di crescita, può garantire a investitori attenti ottime opportunità di business.

All’incontro erano presenti sette aziende: Ideal Standard; Firex ; Manifattura Val Cismon; Meccanostampi; Sest; Valin; Woodn Industries rappresentative alcuni settori produttivi bellunesi come metalmeccanico, distretto del freddo, tessile, alimentare e legno.

Molto forte l’interesse, ma anche la curiosità verso questo paese in cui si sta sviluppando una sorta di «estensione» del settore industriale della Cina, dove sono previsti massicci investimenti in progetti infrastrutturali, che spaziano dalla costruzione edile di abitazioni fino alla creazione di enormi reti autostradali e dove anche industrie più «mobili», come il tessile e la confezione, sono state dislocate gradualmente dalla Cina negli ultimi anni. Questo Stato in pieno boom economico costituisce un mercato appetibile anche per il comparto dei beni di consumo.

Share

Comments are closed.