13.9 C
Belluno
domenica, 29 Marzo, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Caro assessore Bottacin... * di , vice presidente imprese

Caro assessore Bottacin… * di Dario Cavalet, vice presidente Confartigianato imprese Belluno

dario-cavalet-confartigianatoCi sembra che l’assessore regionale Bottacin sia molto impegnato a far capire ai Bellunesi che la causa della mancanza di risorse è da imputare al Governo centrale e non alla Regione del Veneto e quindi, in secondo luogo, che la Regione non ce la fa a dar seguito a quanto disposto dalla legge regionale 25/ 2014 sulla specificità bellunese. Fin qui sembra essere tutto chiaro.
Quello che risulta incomprensibile è il fatto che l’assessore Bottacin non dia seguito a quanto da lui stesso promosso e promesso: una ricognizione con le categorie economiche sul complesso della legge 25/2014 al fine di verificare gli ambiti possibili per dare attuazione alla specificità bellunese: quelli relativi alla parte normativa che non necessita di risorse, ma solo una delega. Mi riferisco in particolare alla delega sul “governo del territorio e del paesaggio” che potrebbe consentirci la possibilità di derogare e semplificare leggi di derivazione regionale o nazionale. Non solo.
L’assessore Bottacin non perde occasione per sottolineare che la specificità bellunese non è l’autonomia che godono Trento e Bolzano (questo sinceramente lo avevamo capito anche noi) e che, quindi, bisognerebbe guardare più in alto. Lo stesso Bottacin, peraltro, è artefice di una proposta per rendere zona franca tutto il territorio bellunese e non solo Sappada. Bene! Ma mi chiedo come e soprattutto quando si potranno realizzare le proposte dell’assessore Bottacin. Nel frattempo che fanno i Bellunesi?
In questo scenario abbiamo di fronte una scadenza importante data dal prossimo referendum costituzionale, che per il nostro territorio, significa avere una riconferma della nostra specificità, ammesso che passi il SI. Resta il problema delle risorse, rispetto alle quali, onestamente, non sappiamo come andrà a finire. Per quanto sopra chiediamo allo stesso assessore Bottacin, nelle sue rivendicazioni nei confronti dello Stato per le risorse che mancano, di farsi anche carico di un impegno o meglio di una tensione verso la necessità di più ampi spazi di autonomia per la provincia di . Se non altro, per non dar l’impressione di voler mantenere il centralismo regionale e non essere incoerente rispetto alle critiche che la sua parte politica fa nei confronti del centralismo romano.

–  vice presidente imprese Belluno

Share
- Advertisment -

Popolari

Soldi ai Comuni dal governo. Massaro: serviranno esclusivamente alle persone in difficoltà a procurarsi il cibo

Il sindaco di Belluno Jacopo Massaro ha pubblicato sulla sua pagina Facebook il seguente messaggio alla popolazione. Ieri, sabato 28 marzo, il presidente Conte ha...

Sanificazione strade. Una cinquantina di mezzi delle associazioni agricole a disposizione della Provincia

Adesione piena delle associazioni agricole. La sanificazione di strade e marciapiedi del territorio provinciale può contare su una cinquantina di mezzi messi a disposizione...

Vento forte su coste e pianura veneta fino a martedì

Venezia, 29 marzo 2020  -  L’atteso peggioramento del tempo porterà sul Veneto anche situazioni di vento forte, per le quali il Centro Funzionale Decentrato della...

Martedì bandiere a mezz’asta. Oscar De Bona: “In Lombardia sono presenti molti bellunesi emigrati dopo gli anni ’50”

L'Associazione Bellunesi nel Mondo risponde all''invito dell'Unione Province Italiane e della Provincia di Bergamo. Martedì 31 marzo anche alla sede Abm, in Via Cavour...
Share