Thursday, 20 February 2020 - 23:07
e-mail: redazione@bellunopress.it – direttore responsabile: Roberto De Nart

L’export bellunese ancora in crescita: + 3% nel primo semestre del 2016. Lorraine Berton: ” Positivo il dato delle esportazioni bellunesi verso i paesi dell’Unione europea, + 5,3%”

Set 14th, 2016 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore

 

Belluno, 14 settembre 2016 – L’export bellunese cresce anche nel primo semestre del 2016, dopo l’exploit dell’anno precedente, quando l’incremento era stato a doppia cifra. E’ questo uno dei dati “incoraggianti” presentati oggi, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Doglioni Dalmas, da Lorraine Berton, presidente di Sipao e delegata all’internazionalizzazione di Confindustria Belluno Dolomiti. “Nei primi sei mesi del 2016 – afferma Lorraine Berton – le esportazioni bellunesi sono in crescita del 3,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E’ vero che si registra un rallentamento della crescita, rispetto al dato del 2015: lo scorso anno, infatti, le nei primi sei mesi dell’anno c’era stato un aumento di oltre il 13% rispetto al 2014. Ma è altrettanto vero il commercio con l’estero delle nostre imprese aumenta ancora rispetto ai valori quasi da record del 2015”.
“Sempre nel primo semestre del 2016 – prosegue il delegato di Confindustria Belluno Dolomiti all’internazionalizzazione – la crescita media delle esportazioni venete è assai più contenuta rispetto al dato bellunese: + 0,3%, dopo il + 6,3% del 2015”.
Aggiunge Lorraine Berton: “Positivo il dato delle esportazioni bellunesi verso i paesi dell’Unione europea: + 5,3%, contro una media regionale del 3%. Meno brillante, invece, l’incremento delle esportazioni bellunesi verso i paesi extra europei: + 1,6%. In questo caso, la media regionale segna addirittura un dato negativo (-3,4%), a conferma che la situazione di incertezza e le molte aree di crisi geopolitica pesano sulle anche prestazioni delle nostre aziende”.

Le iniziative – Operare sui mercati nel disordine globale. E’ questo il titolo dell’evento promosso da Confindustria Belluno Dolomiti, in sinergia con l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale Ispi di Milano, in programma lunedì 19 alle ore 17, in sala Caldart, a palazzo Doglioni Dalmas. Interverranno: Paolo Magri, direttore dell’ISPI, e Alessandro Terzulli, economista di Sace. “L’obiettivo dell’incontro – spiega Lorraine Berton – è di far capire alle imprese come sta cambiando la distribuzione del rischio a livello globale, quali saranno le principali tendenze e quali le nuove frontiere del business. Si tratta del primo appuntamento di un ciclo dedicato proprio all’internazionalizzazione, ambito strategico per le nostre imprese che vede l’Associazione molto impegnata anche nell’attivazione di sinergie con altre territoriali”.
Il 29 settembre è in programma infatti un secondo evento, questa volta in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e l’Ice, che avrà un taglio molto operativo e mirato per le aziende che vogliono crescere all’estero. “Presenteremo le iniziative, le politiche e i servizi che il Ministero e l’Ice mettono a disposizione delle aziende – osserva Lorraine Berton – e una nuova opportunità che Confindustria Belluno Dolomiti offre alle sue associate, grazie a una sinergia con Vicenza, Padova e Treviso: Farexport, che opera attraverso un’attenta analisi dei mercati di riferimento e dei possibili canali di penetrazione, valutando di volta in volta le caratteristiche peculiari di ogni azienda, il suo livello di competitività e le reali esigenze del suo target. Grazie ad una convenzione, le nostre associate potranno utilizzare questa struttura che presenteremo, appunto, il 29 settembre.
Il 10 ottobre, a Feltre, è previso un incontro con il Ministero dell’Ambiente, sulla cooperazione internazionale sul tema “L’accordo di Parigi: le attività di cooperazione e le opportunità per le imprese italiane”. Il 21 ottobre, infine, proporremo un focus sull’Africa come nuova frontiera per l’internazionalizzazione, sempre insieme all’Ispi.

Silmo 2016 – Il Distretto dell’Occhiale di Belluno sarà ancora una volta protagonista al Silmo, il Salon International de l’Optique Lunetterie et du Matériel pour Opticiens, in programma dal 23 al 26 settembre a Parigi che, con 908 espositori previsti e con visitatori provenienti da tutto il mondo, rimane uno degli appuntamenti di riferimento del comparto.
Le imprese bellunesi presenti saranno venti, Confindustria Belluno Dolomiti partecipa con una collettiva di 9 aziende rappresentative delle pmi che operano nel Distretto, che avranno a disposizione una vasta area espositiva di oltre 192 mq.
“Il Silmo rappresenta una grande opportunità di aggregazione per le aziende del nostro territorio – afferma Lorraine Berton, presidente di Sipao – e le imprese, soprattutto le pmi, ne sono ogni anno più consapevoli. Il Salone è infatti una vetrina importante per presentare ai retailer internazionali la qualità, lo stile, la bellezza dei prodotti ma soprattutto la capacità di innovare e di essere competitive delle nostre pmi.”
“Questa Fiera – prosegue il presidente Berton – è per il Distretto anche il modo più concreto per tastare il polso del mercato verificando le tendenze e i gusti di visitatori provenienti da cinque continenti. Ogni anno ritorniamo a casa con una conoscenza più approfondita delle dinamiche della filiera ma anche con la soddisfazione di essere tra i principali player e trendsetter del settore.

Share
Tags: ,

Comments are closed.