Wednesday, 22 November 2017 - 22:27

La Ferroli dimezzata. Fim Cisl, Fiom Cgil e Rsu proclamano lo stato di agitazione

Lug 20th, 2016 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

fiom cgil venetoNell’incontro di oggi con le delegazioni sindacali dei territori di Verona,  Belluno, Ferrara e Torino, la direzione aziendale del Gruppo Ferrioli, nella persona del AD Maurizio Prete, ha illustrato il piano industriale dell’azienda, che prevede un forte ridimensionamento occupazionale.

Gli esuberi pesano per il 50% (600 addetti complessivi) della forza lavoro in Italia. – spiegano le Organizzazioni sindacali Fim Cisl, Fiom Cgil e le Rsu – Dal punto di vista industriale il piano prevede la cessione/vendita di alcune attività (fonderie Alano di Piave e San Bonifacio, tutta la logistica e i motori elettrici), l’accorpamento di altre (Lamborghini e Finterm), nonché lo
spostamento dell’intera attività industriale presso i soli siti di Villanova, area a
nord statale 11 Vr e Casole d’Elsa.

Fim Cisl e Fiom Cgil e le Rsu di tutti i siti coinvolti respingono con forza il piano industriale proposto, ritenendolo inaccettabile viste le conseguenze sul piano sociale e occupazionale. Ritengono che l’azienda stia percorrendo la strada più facile per risolvere i molti problemi creatisi negli ultimi anni, facendo pagare il prezzo più alto alle lavoratrici e ai lavoratori.
E’ proclamano pertanto, lo stato di agitazione sindacale a partire da domani, 21/07/2016, con presidi/blocchi delle portinerie e dei cancelli dell’azienda.
Invitiamo le lavoratrici e i lavoratori alla massima partecipazione – conclude la nota congiunta dei sindacati –  e alla presenza alle assemblee sindacali che si volgeranno nella giornata di domani in tutti i siti.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.