Tuesday, 21 November 2017 - 23:23

Fuga dalla città. Appuntamento con la natura nel parco della vecchia sorgente della Vena d’Oro * di Bruna Mozzi

Lug 10th, 2016 | By | Category: Dicono di voi, Prima Pagina

Un ennesimo week end alpino (o quasi). Gli amici mi aspettano presto stamane. Non arrivo come al solito il sabato sera, ma di domenica. Nessuna scarpinata, nessuna salita alle vette, ma festa in piazza e, al massimo, una breve camminata tanto per sgranchirsi un po’. Me lo hanno chiesto M* e L* con una lunga telefonata giovedì scorso.

Vena d'Oro - Ponte nelle Alpi

Vena d’Oro – Ponte nelle Alpi

Sabato 9 e domenica 10 – mi hanno detto – ci sono delle brevi passeggiate guidate al Parco della Vena d’oro nei dintorni di Lastreghe: vieni? Ho detto subito sì, pur di fuggire dall’afa e dall’umidità della pianura. Non sapevo, invece che Ponte nelle Alpi, di cui Lastreghe è una località sta “solo” a circa 400 metri sul livello del mare. Per fortuna, mentre qui nella bassa padana, son previste punte di caldo tropicale, anche oltre i 35 gradi, a Ponte nelle Alpi la mia app del cellulare dice che ci saranno deboli piogge: una manna per chi soffre, come me, il caldo. Forse un po’ meno per gli organizzatori della festa in paese!

Spettacoli, cultura, arte, musica, ambiente, tradizioni, sport, enogastronomia nelle frazioni di Ponte nelle Alpi: ce n’è per tutti i gusti. Noi ci accontentiamo di una breve passeggiata, tanto per apprezzare fauna e flora locali, visto che l’amministrazione ha organizzato visite guidate per domenica mattina, fino alle 12.

Dopo pochi passi, all’inizio della passeggiata, i miei amici incontrano G* un abitante della zona , che non vedono da anni e ci dice che il clou della festa è già stato: alle 15:00 del giorno prima c’era il “Quantin Young Race”, corsa su strada Grand Prix Giovani. Alle 19 poi l’undicesimo Memorial Onelio & Guido Viel, camminata ludico-sportiva di 3 e 7 chilometri. Per chiudere poi si è tenuta la cena sportiva per tutti. Sabato pomeriggio il comitato frazionale di Lastreghe ha programmato passeggiate con visita al parco della Vena d’Oro, accompagnate da merenda e dimostrazione della lavorazione del formaggio, seguite da una serata musicale. E poi nella località della Vena d’Oro si è appena conclusa la “La notte incantata”, una sorta di notte bianca con cena di beneficenza il cui ricavato viene devoluto al parco di Cadola.

Allora niente cena stasera? Esclamo con tono interrogativo e deluso. Ma dai vediamo di rimediare, non ti preoccupare, mi dice L* che è una miniera di idee ed ha sempre mille risorse. Intanto arriva il mezzogiorno e si fa una breve sosta pic-nic. Il pomeriggio poi si tornerà in paese a salutare qualche amico e a vedere qualche (sparuto) negozio aperto per l’occasione di festa.

E per la sera? Son pronta a guardare il web nel sito dei dieci migliori ristoranti di ponte delle Alpi. Lascia stare – mi dice la mia amica G* – ci pensiamo noi. E come d’incanto siamo già seduti sotto un fresco pergolato col solito rosso robusto e genuino nel bicchiere e la tavola imbandita di ogni ben di dio. Grazie cari amici bellunesi, grazie per la bella giornata!

Bruna Mozzi

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.