13.9 C
Belluno
sabato, 28 Marzo, 2020
Home Cronaca/Politica Made in Italy. Coldiretti: 10mila agricoltori in piazza contro l'embargo alla Russia

Made in Italy. Coldiretti: 10mila agricoltori in piazza contro l’embargo alla Russia

stranieri agricolturaSono quasi diecimila gli agricoltori e gli allevatori italiani in piazza con i trattori contro l’embargo russo che ha azzerato completamente le esportazioni dei prodotti agroalimentari più rappresentativi del Made in Italy scatenando una guerra commerciale che ha provocato pesantissimi danni all’economia e la perdita di posti di lavoro.

La protesta che coinvolge anche i principali operatori economici impegnati nell’interscambio con la Russia chiedono la fine di una guerra commerciale insostenibile per l’Europa che ora deve affrontare anche i pesanti effetti economici della Brexit, nell’anniversario dei 2 anni dall’embargo russo e all’indomani della decisione del presidente russo, Vladimir Putin, di prolungare l’embargo imposto sui beni alimentari fino al 31 dicembre del 2017. Dentro e fuori il Cattolica Center di Verona. in Veneto, scelto perché è la regione più duramente colpita, gli agricoltori hanno portato anche i prodotti rimasti invenduti, dalle mele ai kiwi fino alle pesche, ma anche i formaggi e i prosciutti per denunciare un braccio di ferro insensato e autolesionistico. Una scelta suicida che l’Unione Europea e l’Italia non possono permettersi dopo il voto sulla Brexit con la svalutazione della sterlina inglese che rischia di mettere in crisi i rapporti commerciali con la Gran Bretagna, che è il quarto sbocco estero dei prodotti agroalimentari Made in Italy.

Sono stati anche esposti gli scandalosi surrogati del Made in Italy come il “Russkiy Parmesan”, ma anche il salame Milano o la mozzarella Made in Russia che sugli scaffali dei supermercati del Paese di Putin hanno preso il posto dei cibi italiani originali i quali rischiano ora di rimanere esclusi per sempre. Bandiere, cartelli e numerosi striscioni sono stati esposti “No all”embargo russo”, “Putin facciamo la pace”, “La guerra fredda uccide il Made in Italy”, ma anche “Brexit+embargo=Italia in letargo”. Tra i manifestanti c’è già il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ma sono in arrivo il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina al Governatore del Veneto Luca Zaia fino al Sindaco di Verona Flavio Tosi ed anche i maggiori operatori economici dell’agroalimentare coinvolti nell”interscambio commerciale con la Russia.
Cosi” in un comunicato la Coldiretti.
(Comunicati/Dire)

Share
- Advertisment -

Popolari

Videoconferenza tecnica in Prefettura sulle nuove norme e le sanzioni

Si è tenuta oggi, in videoconferenza, una riunione tecnica di coordinamento presieduta dal Prefetto, Adriana Cogode, alla quale hanno partecipato i vertici delle Forze...

Avviata la sanificazione di strade e piazze. Nei prossimi giorni sarà estesa a tutta la provincia

È partita venerdì mattina la sanificazione di piazze, strade e marciapiedi coordinata dalla Provincia di Belluno. Un’operazione necessaria per contenere il rischio di contagio...

L’impatto della pandemia sul settore alberghiero del Triveneto

L’analisi di Zara&Partners sull’impatto dell’emergenza Covid nel settore dell’hotellerie del triveneto: per le 804 società di capitali, nello scenario peggiore, cresce del 77% la...

Nordafricano spacciava droga spostandosi da un supermercato all’altro

Belluno,  marzo 2020  -  Continuano i controlli delle “volanti” della Questura di Belluno per contenere l’emergenza Covid-19. Nel tardo pomeriggio del 24.03 una pattuglia...
Share