Saturday, 17 August 2019 - 23:10
direttore responsabile Roberto De Nart

Frana Acquabona, Berti e D’Incà (M5S): “Zaia non può sempre dare la colpa agli altri, è il momento di agire. Si usino i 70 milioni pronti per i mondiali di sci per iniziare i lavori sulla viabilità”

Giu 15th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Jacopo Berti

Jacopo Berti

L’ennesima frana ha bloccato nelle scorse ore la strada statale Alemagna ad Acquabona, a pochi chilometri da Cortina.

“È arrivato il momento di dire basta a queste situazioni – spiega il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale, Jacopo Berti – se il governo regionale non è in grado di rispondere a una semplice esigenza della montagna veneta, allora l’opposizione deve assumere un ruolo attivo e di governo. Zaia non può sempre abbaiare alla luna distribuendo colpe e responsabilità a destra e a manca. E non è certo con una vagonata di tweet e post su Facebook che si risolve un problema simile, la frana di Acquabona se ne frega dei social”.

“Quella strada è vitale per i miei concittadini e per l’intera valle – continua Berti, la cui famiglia proviene proprio da Cortina – serve una soluzione immediata e le frane non hanno certo colore politico. È arrivato il momento di dire basta alle polemiche e allo scaricabarile che non ha prodotto fin qui nessun risultato utile, ma bisogna fare in fretta. In queste ore sto ricevendo moltissime telefonate da parte degli abitanti di Cortina e di tutta la valle”.

Federico D'Incà

Federico D’Incà

“Che si apra il cantiere – gli fa eco il parlamentare bellunese Federico D’Incà, che ha già coinvolto il Governo con alcune interrogazioni – se è vero che già ci sono 70 milioni di euro pronti per i mondiali di Cortina per iniziare le opere per il miglioramento della viabilità, questi devono essere messi a disposizione subito a partire da quella che è la più grave situazione di pericolo per cittadini e turisti. Non abbiamo tempo da perdere, non possiamo sempre e solo sperare che il sistema di vigilanza e la protezione civile risolvano un problema cronico che può trasformarsi in una tragedia. Se i soldi ci sono, gli interventi devono essere programmati”.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. se i /= milioni servono per i mondiali direi che questa e’ l’opera primaria. avanti con i lavori:cosa aspettiamo?