Saturday, 17 August 2019 - 17:16
direttore responsabile Roberto De Nart

Sanità business. il colosso sanitario europeo Lifebrain acquisisce i laboratori bellunesi Fleming. Preoccupazione per i tagli del budget della Ulss 1  

Giu 10th, 2016 | By | Category: Prima Pagina, Sanità

 

vaccino-1Tra il 2013 e il 2014 aveva rilevato la Labtop AG in Svizzera ed altri quattro laboratori, incrementando il suo fatturato di 20 milioni di euro. L’austriaca Lifebrain Ag, azienda leader nel settore della medicina di laboratorio, è sbarcata in Italia un paio di anni fa con l’acquisizione dei Laboratori Guidonia Group di Roma. Oggi Lifebrain è presente in Italia con oltre 90 laboratori e centri prelievo e oltre 500 collaboratori. Lavora una media di circa 5,5 milioni di esami l’anno, con più di 200 strutture sanitarie servite.

In questi giorni Lifebrain ha concluso l’acquisizione del Laboratorio Fleming a Belluno, fiore all’occhiello sul territorio con 40 anni di esperienza nel campo delle analisi cliniche operando nel settore dal 1976, e unico laboratorio privato nella provincia accreditato con il Sistema Sanitario Regionale. Fleming  ha sede principale a Belluno, in Via Ippolito Caffi, e una struttura articolata in 2 punti prelievo ad Agordo e in Alpago, cui si aggiunge un servizio di prelievi a domicilio con oltre 1000 prelievi effettuati annualmente a domicilio, il Laboratorio conta su 15 persone tra dipendenti e collaboratori, con una media di circa 150 mila esami specialistici effettuati annualmente per circa 20 mila utenti serviti. Tra questi particolare rilievo presenta il settore della Medicina del Lavoro e l’expertise nelle terapie anticoagulanti con oltre 1000 pazienti seguiti all’anno.

L’obiettivo di questa nuova acquisizione – si legge in una nota stampa dell’azienda –  è proseguire il progetto del Gruppo Lifebrain Italia di garantire la presenza nelle principali regioni italiane, contribuendo a sviluppare una vera e propria “rete assistenziale territoriale” in grado di offrire un servizio di eccellenza ai pazienti in virtù di tecnologie all’avanguardia e implementando le qualità di un personale già altamente qualificato. La nuova partnership si inserisce tuttavia in un contesto congiunturale che desta preoccupazione per il taglio di budget subito dal Fleming negli ultimi anni con una riduzione delle risorse alla società quantificata nell’83% rispetto al 2012 e con il rischio concreto a una riduzione significativa del servizio erogato al cittadino.

Fleming è infatti il laboratorio al servizio della maggior parte dei bellunesi che si rivolgono alla struttura convenzionata, e il taglio del budget costringerebbe i pazienti esenti  a spostarsi presso l’ospedale San Martino, sovraccaricando il laboratorio della struttura ospedaliera. Tutto questo, in un  quadro nazionale che nel 2016 vede 11 milioni di italiani che hanno dovuto rinviare o rinunciare alle cure per difficoltà economiche, in crescita significativa rispetto ai 9 milioni del 2012, secondo i dati della ricerca Censis- Rbm pubblicati solo due giorni fa.

Per venire incontro al paziente il Laboratorio Fleming del Gruppo Lifebrain conferma l’impegno nel continuare ad accogliere i pazienti esenti riservando loro il medesimo trattamento, almeno per altri due mesi, in attesa di trovare una soluzione con la USL e con la Regione.

“Accogliamo con favore l’ingresso nel nostro Laboratorio di un partner europeo quale Lifebrain– commenta Il Direttore Amministrativo Ferdinando Prior – soprattutto in considerazione della situazione attuale che vede una drastica riduzione del budget”. “Confermiamo la nostra apertura nel trovare una soluzione in stretta collaborazione con la Direzione Ulss 1 e con cui siamo in contatto continuo – prosegue Prior – una soluzione che sia sempre nell’ottica di continuare ad offrire i nostri servizi alle fasce più deboli, garantendo la massima qualità dei servizi e dell’assistenza che ci ha contraddistinto fino ad oggi. Siamo già in contatto per verificare quale può essere l’alternativa migliore per poter andare incontro alle esigenze del paziente esente, anche con la concessione, eventualmente, di un extrabudget o di uno sconto sulle tariffe”.

 

Share

Comments are closed.