13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 28, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Mel. Sabato 28 maggio ritorno a Malga Canidi

Mel. Sabato 28 maggio ritorno a Malga Canidi

malga Canidi MelSabato 28 maggio riapre malga Canidi in Comune di Mel, sopra Praderadego, uno dei comprensori prealpini più meritevoli di attenzione dal punto di vista paesaggistico.

Cerimonia e festa insieme, nel pomeriggio di sabato prossimo, a partire dalle ore 16. A fare gli onori di casa il sindaco di Mel, Stefano Cesa, nella sua veste anche di presidente dell’Unione montana Val Belluna.

L’evento viene organizzato dal Comune di Mel e dall’Unione Montana Val Belluna assieme alla famiglia di Sebastiano Parussolo, dallo scorso anno i nuovi gestori della complesso malghivo.

L’Unione montana Val Belluna continua infatti a perseguire il mantenimento della funzionalità dei pascoli e degli alpeggi di proprietà comunale che, come Canidi, le sono stati affidati, e ad indirizzare i malghesi verso sempre più evolute forme di aggiornamento tecnico per il miglioramento della qualità dei prodotti caseari.

La giornata di festa che vuole avere comunque un risvolto di attenzione sui temi della difesa e salvaguardia dell’agricoltura di montagna oltre di attenzione e di prospettiva turistica per la particolarità e la bellezza naturalistica del contesto malghivo e di tutto l’arco prealpino che dal Cesen si estende fino al Visentin, elemento quest’ultimo di collegamento non solo fisico ma anche culturale e della tradizione tra la Valbelluna e la pianura veneta, inizia alle ore 16 con la santa Messa celebrata dal parroco di Villa di Villa don Giuseppe De Nardo. Precede la celebrazione religiosa, l’alzabandiera alla presenza dei gruppi degli alpini di Sernaglia della Battaglia e di Mel. Durante tutto il pomeriggio sarà presente il gruppo corale ”Voci dai Cortivi” di Bolzano Bellunese che animeranno la messa e si esibiranno al termine della stessa con un vasto repertorio della tradizione bellunese e veneta. L’evento conviviale si concluderà con il rinfresco offerto dalla “Fattoria di nonno Bepi” del malghese.

Il compendio malghivo di Canidi è formato da una edificio recentemente ristrutturato per il ricovero del malghese con locali adibiti alla ristorazione agrituristica e alla vendita dei prodotti lattiero-caseari con locali di servizio annessi. È presente uno stallone dalla capienza massima di 40 capi da latte, dotato di impianto automatico di smaltimento deiezioni animali e impianto di mungitura. La malga è facilmente raggiungibile da Praderadego mediante la strada con fondo cementato realizzata un paio di anni fa. Inoltre le infrastrutture sono collegate al versante trevigiano, a Malga Mont, a Malga Budoi e Rifugio Posa Puner (in Comune di Miane), attraverso la strada sterrata cosiddetta “Strada delle Cime” che offre dei panorami mozzafiato che spaziano dalla laguna veneziana alle creste dolomitiche. Su tali esperienze emozionali che si possono provare, da alcuni anni, a cura dei diversi gruppi di volontariato e dei tanti uomini e donne che impiegano il loro tempo nella cura, manutenzione e pulizia degli spazi di montagna o di coloro che promuovono culturalmente e turisticamente questi territori, viene organizzata, il primo weekend di settembre, l’iniziativa “Malghe tra Mel e Miane”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Danza. Donazzan: “Settore penalizzato nella ripresa. Presto linee guida per scuole e spettacoli”

Venezia, 27 maggio 2020  -  “Le scuole di ballo e la danza sportiva, disciplina molto seguita e diffusa nel mondo e che genera turismo...

Nevegal. Bortoluzzi: “Piena disponibilità della Provincia a lavorare per l’estate”

«Da parte della Provincia, piena disponibilità a collaborare per il Nevegal. La stagione estiva alle porte potrebbe rappresentare un’occasione di rilancio per il Colle»....

Fondo montagna: erogati 21,7 milioni alle Regioni.

Sono state erogate alle Regioni le annualità 2016-2019 del Fondo Nazionale per la Montagna, gestito dal Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie....

Promozione turistica. La Dmo approva il bilancio e presenta il nuovo piano estate-autunno 2020

La Dmo Dolomiti approva il bilancio consuntivo 2019 e il piano per superare l’emergenza 2020. «Un vastissimo programma di promozione per seminare turismo oggi,...
Share