Sunday, 17 November 2019 - 02:22
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Berlato vuole i “cacciatori migranti” per abbattere la selvaggina migratoria

Mag 18th, 2016 | By | Category: Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

cacciaSono tempi duri, anche per la selvaggina migratoria, che se riesce a sopravvivere ai cacciatori del luogo, ora dovrà fare i conti anche col fuoco incrociato dei “cacciatori migranti”.

Il consigliere regionale Sergio Berlato, infatti, ha presentato una modifica alla legge regionale n.50 del 9.12.93 per ottenere la mobilità dei cacciatori.

 

Ecco il testo dell’emendamento presentato da Sergio Berlato in Terza Commissione:

All’art. 14 della legge regionale 9 dicembre 1993, n. 50 sono inseriti i seguenti commi:

“1 bis. Il cacciatore che ha optato per la forma di caccia di cui all ‘articolo 12, comma 5 lettera b) della legge 11 febbraio 1992, n. 157 può disporre di quindici giornate di caccia in forma vagante da usufruire per la caccia alla selvaggina migratoria, da effettuarsi a partire dalla prima domenica di ottobre di ogni stagione venatoria, limitatamente agli Ambiti Territoriali di Caccia ed ai Comprensori Alpini del Veneto in cui risulta iscritto. Il cacciatore che ha optato per le forme di caccia di cui all’articolo 12, comma 5 lettera c), della legge 11 febbraio 1992, n. 157 può disporre, a partire dalla prima domenica di ottobre di ogni stagione venatoria, di trenta giornate di caccia da usufruire per la caccia alla selvaggina migratoria in tutti gli Ambiti Territoriali di Caccia del Veneto, con esclusione della Zona Faunistica delle Alpi e del Territorio Lagunare e Vallivo.

1 ter. La fruizione delle giornate di cui al comma 1 bis non necessita, da parte del cacciatore, di richiesta o adempimento alcuno fatto salvo l’obbligo di cerchiare in modo indelebile sul tesserino venatorio, ad inizio della giornata venatoria, la giornata di caccia utilizzata in deroga all’opzione prescelta.

 

Share

Comments are closed.