Tuesday, 12 November 2019 - 21:00
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Due le liste in campo per il primo sindaco del nuovo Comune di Alpago

Mag 12th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Sono due le liste in campo per le prossime elezioni amministrative (si vota il 5 giugno) del nuovo Comune di Alpago nato dalla fusione di Farra, Pieve e Puos. Umberto Soccal, ex-sindaco di Pieve, è il candidato sindaco della lista civica “Alpago insieme si cresce”, nata dalla triplice alleanza delle tre amministrazioni comunali alpagote che hanno condotto in porto la fusione. Massimo Bortoluzzi, già capogruppo di minoranza Puos, è il candidato sindaco della lista civica “Alpago 3.0”, di cui il principale riferimento è la Lega Nord. Non a caso con Bortoluzzi, alla firma degli atti, ieri mattina a Pieve c’era anche il segretario provinciale del Carroccio, Paolo Saviane. Sfumata invece l’ipotesi della discesa in campo di una terza lista, orientata nell’ambito del Partito Democratico, nonostante l’interessamento del deputato Roger De Menech e del segretario provinciale del partito, Erika Dal Farra. Alle 12, alla chiusura delle liste, nella sede legale del nuovo Comune per ora amministrato dal commissario Nicola De Stefano, si sono incontrati i due candidati alla poltrona di primo cittadino insieme ad ex-amministratori e simpatizzanti per festeggiare insieme, almeno in questo contesto, la prossima nascita della prima amministrazione a capo di un Comune di oltre 7000 abitanti, il quinto nel Bellunese per densità demografica. Condivisa la soddisfazione per la presenza di almeno due proposte elettorali (il che evita il quorum) e l’opinione che sarà un compito, se non proprio da far tremare le vene ai polsi, sicuramente complesso e difficile quello che aspetta la neonata amministrazione nei prossimi cinque anni. Nessuno dei due candidati sindaco nasconde che il rodaggio di una fusione a tre e articolata in municipalità, figlia di un progetto pilota premiato e promosso dalla Regione, non sarà una passeggiata. Le migliori soluzioni legate al nuovo assetto istituzionale, il riordino delle funzioni, la gestione del personale, l’accesso ai bandi e in generale la maggiore complessità burocratica derivante dal fatto di essere ora un grande Comune non si possono infatti dare per scontate. Per il momento la promessa reciproca è quella di “collaborare pur nella diversità di vedute e le differenze programmatiche affinchè a prevalere sia l’interesse dei cittadini”. E con Soccal e Bortoluzzi in lizza ci sono dodici candidati consiglieri per ciascuna lista. Otto di loro andranno a formare la maggioranza (più il sindaco), quattro la minoranza. Tra questi la maggior parte ha già esperienze amministrative frutto delle precedenti legislature, come nella lista di Soccal (“Alpago insieme si cresce”, con quattro quote rosa) dove sono presenti ex-consiglieri e amministratori dei tre Comuni, mentre altri, soprattutto in quella di Bortoluzzi (“Alpago 3.0”, con sei quote rosa) si candidano a ricoprire questo ruolo per la prima volta. È pronta così a partire la campagna elettorale che designerà il primo sindaco e la prima amministrazione della storia del Comune di Alpago. Il primo passo sarà la presentazione da parte delle due liste del programma da sottoporre agli elettori.

Share

Comments are closed.