Tuesday, 12 November 2019 - 03:09
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Referendum costituzionale. Berti (M5S) contro Moretti (Pd): “Quello sulle riforme costituzionali è un voto sulla democrazia, ma loro raccontano che sia per tagliare i costi della politica. Ecco la verità”

Mag 9th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Jacopo Berti - Movimento 5 Stelle

Jacopo Berti – Movimento 5 Stelle

La Moretti e il Pd fanno una propaganda che offende l’intelligenza dei cittadini. Travestono il voto sulle riforme costituzionali di Renzi e Verdini come un voto per tagliare i costi della politica. Ma non è così.

Quelli del Pd paventano ipotetici tagli al costo delle istituzioni, che in realtà sono un pacco. I tagli non sono reali, i privilegi della Casta vengono ampliati e la democrazia compressa.

Tutti devono sapere che c’era la possibilità di riformare davvero e in meglio le istituzioni, dimezzando il numero dei parlamentari, mettendo un tetto massimo ai loro stipendi, abolendo i vitalizi e chiudendo la porta ai condannati: erano le proposte del Movimento 5 Stelle per un Senato davvero pulito e democratico e il governo le ha rifiutate tutte. Il Governo invece scaricherà le spese dei senatori sulle Regioni e il taglio complessivo, conti alla mano, sarà bassissimo: meno di 50 milioni, ovvero meno del 10% dei costi attuali.

Con alcune nostre semplici proposte si risparmia più del doppio. Si va dalla soppressione dei vitalizi parlamentari – misura solo questa che inciderebbe per ben 82 milioni di euro di risparmi – alla cessazione totale e definitiva dei vitalizi per i condannati.

Tra le proposte anche l’abolizione dell’assegno di fine mandato e la riduzione dell’assegno dei senatori a 5.000 euro lordi mensili.

Al contrario, quelle della riforma del Senato cifre che il Governo e le regioni sperperano in un battito di ciglia con leggi e mance che vengono fatte passare sotto traccia. E dentro a questo “pacco” il Pd cosa mette?

Qualcosa di molto più costoso per noi: il Senato sarà semplicemente scippato ai cittadini e regalato alla classe dirigente più inquisita del Paese – i consiglieri regionali, che saranno protetti dall’immunità parlamentare -, senza alcuna possibilità per il popolo di scegliere, né votare, né eleggere i suoi rappresentanti.

Il vero obiettivo del governo è piegare la Costituzione per creare un sistema che, combinato con la legge elettorale, consegni il Paese nelle mani di un premier affetto da manie di grandezza.

Jacopo Berti

Capogruppo Movimento 5 Stelle in consiglio regionale

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Una riflessione per spocchiosi e irresponsabili renziani e allineati di comodo vari:
    immaginate il vostro modello di costituzione riformata in mano a Beppe Grillo…
    Se disgraziatamente passa la riforma comincio anch’io a votare m5s e poi da rottamatori diventerete rottami!
    Pensateci…