13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 8, 2020
Home Cronaca/Politica Venezia-Monaco, prolungamento dell'A27. Ecco la prospettiva di sviluppo infrastrutturale per la Regione...

Venezia-Monaco, prolungamento dell’A27. Ecco la prospettiva di sviluppo infrastrutturale per la Regione alpina. L’europarlamentare Sernagiotto presenta il progetto

pastella sernagiotto campeolDopo mesi di pianificazione e incontri, oggi l’europarlamentare Remo Sernagiotto presenta ufficialmente il più grande e ambizioso progetto per la Regione Alpina, ovvero l’autostrada Venezia- Monaco con il prolungamento dell’A27.

L’iniziativa è stata presentata venerdì mattina alla stampa all’Astor di Belluno dall’onorevole Sernagiotto, il professor Campeol e il portavoce dell’Associazione Vivaio Pastella.

“Grazie a questa infrastruttura – spiega l’onorevole Sernagiotto Sernagiotto, relatore ombra del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei per EUSALP – potremmo creare un collegamento tra il Veneto e l’Austria gettando le fondamenta per importanti opportunità di crescita per il nostro territorio. L’UE ci chiede di potenziare corridoi che colleghino le regioni alpine. Il prolungamento dell’A27 rientra proprio in quest’ottica e prevede la realizzazione in parallelo delle “infrastrutture passive”, ovvero le linee elettriche, della telefonia, della banda larga e della banda ultra-larga, le condutture del gas, le reti in fibra ottica, i tubi degli acquedotti, etc. I finanziamenti europei ci sono: ho presentato tre emendamenti che danno il via al dibattito sulla proposta”. “L’intervento viene chiamato  Autostrada delle Dolomiti – Un progetto di paesaggio. Non sottovalutiamo infatti l’importanza del territorio: le Dolomiti sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Ecco perché l’autostrada si dovrà sviluppare per la maggior parte in gallerie”.

Giovanni Campeol (già docente presso l’Università IUAV di Venezia, rappresentante della Regione del Veneto come esperto in Eusalp) ribadisce che “la realizzazione di un valico alpino attraverso un’autostrada verso Nord consente al Veneto, con il porto di Venezia in primis, di competere adeguatamente al livello europeo. Inoltre questo asse infrastrutturale consente di sviluppare economicamente anche la parte austriaca in un’ottica di rafforzamento della rete trasportistica europea TEN-T, il cui obiettivo è quello di ammagliare il più possibile le comunicazioni. Infine il Bellunese potrà finalmente uscire dal pesante cul-de-sac geografico scambiando merci e persone direttamente con il Nord e Nord-est Europa, fatto questo che porterebbe in questo territorio ricadute economiche dirette che si stimano (per difetto) essere intorno ai 400.000.000 di €/anno”.

Gianni Pastella, rappresentante dell’Associazione V.I.V.A.I.O. Dolomiti commenta: “Questo progetto è importante per lo sviluppo del territorio: guardiamo alle Regioni a Statuto Speciale, gli introiti dalle autostrade sono fondamentali per la ricchezza del territorio. Bisogna puntare sulle infrastrutture, il bellunese è deficitario in questo”.

La Strategia dell’UE per la Regione Alpina (EUSALP) è una strategia macroregionale che nasce allo scopo di promuovere l’attrattività, la competitività, la connettività e lo sviluppo sostenibile di un’area che riguarda oltre 70 milioni di abitanti (sono coinvolti cinque Stati membri – Italia, Austria, Francia, Germania e Slovenia- e due paesi terzi -Liechtenstein e Svizzera-).

- Advertisment -

Popolari

Contributi alla collettività dai 4 Quartieri, Palio di Feltre e Sbandieratori

In questo periodo di incertezza e di tanti dubbi sul futuro sanitario ed economico di noi tutti, il mondo del Palio di Feltre fa...

Pasqua a domicilio: i prodotti locali arrivano nelle case dei bellunesi

A servizio dei clienti: le aziende di Confartigianato Imprese Belluno, legate al settore alimentare, sono pronte ad arricchire la “Pasqua in quarantena”. E a...

Pasqua 2020, l’abbraccio a distanza degli studenti del Lollino

Tutti uniti, anche se lontani. Gli studenti, gli insegnanti e il personale del Liceo Lollino Classico e Scientifico si sono dati appuntamento in rete,...

Le proteste di Hong Kong: una vecchia storia di terreni, soldi e potere  * di Aldo Constantini

Nonostante Hong Kong sia a circa 9.100 km, le proteste hanno suscitato anche in Europa forte attenzione e forse altrettanta considerevole confusione. Attenzione, poiché...