Sunday, 17 November 2019 - 02:22
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Elettrodotto Valbelluna. Terna deposita anche a Limana l’integrazione volontaria. 60 giorni per presentare al Ministero dell’Ambiente le osservazioni

Mag 5th, 2016 | By | Category: Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

 

 

ternaRoma 6 maggio 2016 – Terna, gestore della rete elettrica nazionale, ha trasmesso oggi anche al Comune di Limana, dandone avviso al pubblico, gli elaborati progettuali dell’integrazione volontaria all’intervento di “Razionalizzazione e Sviluppo della rete di trasmissione nazionale nella media Valle del Piave”, già depositata presso il Ministero dell’Ambiente e i comuni interessati lo scorso settembre, per garantire una più ampia partecipazione al procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale, aperto fin dal 2011.

Come indicato dalla Commissione Tecnica di Valutazione di Impatto Ambientale, il tracciato del nuovo progetto (integrazione volontaria), che rappresenta la variante oggi in valutazione al Ministero dell’Ambiente, non interessa il Comune di Limana: esso è coinvolto, infatti, solo da una delle alternative progettuali (alternativa “B”) analizzata nell’ambito dello studio di impatto ambientale.

La documentazione depositata è consultabile anche sul sito web del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare all’indirizzo www.va.minambiente.it. Tutti coloro che fossero interessati a presentare le osservazioni al progetto possono farlo, indirizzandole al Ministero dell’Ambiente titolare della procedura di VIA, in forma scritta, anche a mezzo mail, entro 60 giorni.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Ecco dal 2011 che andiamo avanti con un progetto che non riescono più a presentare nemmeno loro.
    Farne una nuovo 3 anni fa era ormai autorizzato 100 volte.
    Problema Perarolo
    Problema Longarone
    Problemi Ponte nelle Alpi ( malgrado la maggioranza sia favorevole )
    Problemi Belluno
    Problemi Limana
    Mai hanno trovato gente ragionevole come noi disposti a fare un buon progetto, basterebbe come suggerito fare un piano energetico condiviso, invece di forzare sempre la mano su amministratori spaesati da un’argomento complicato , che alla fine si vedono costretti a rivedere posizioni prese in buona fede.
    Nel bel paese andrebbe tutto interrato, i soldi ci sono, le tecnologie pure, se questi non sono capaci cambiate Manager e Ingenieri