Tuesday, 12 November 2019 - 03:26
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Due referendum per bloccare la legge elettorale: scatta in Veneto l’operazione Anti Italicum e il Movimento 5 Stelle raduna le truppe. Berti: “Mezzo milione di firme per mandare a casa Renzi”

Mag 2nd, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Jacopo Berti - Movimento 5 Stelle

Jacopo – Movimento 5 Stelle

Due per bloccare la : scatta in Veneto l’operazione Anti Italicum e il Movimento 5 Stelle raduna le truppe. Ad annunciarlo è il capogruppo M5S in consiglio regionale, Jacopo Berti: “Vogliamo dare un segnale forte a Renzi e al suo Governo abusivo, che nessuno ha votato e che si regge coi voti di Verdini – tuona il consigliere regionale – lo faremo dando voce ai cittadini, la stessa voce che la riforma della (l’Italicum) vuole soffocare: raccoglieremo mezzo milione di firme per mandare a casa Renzi, ovvero le firme necessarie per indire un referendum popolare contro le sue riforme”.

Il M5S vuole fermare questa legge elettorale per due motivi e in due referendum.

“Nel primo referendum  – spiega Berti – chiederemo l’eliminazione del premio di maggioranza, un autentico doping dei risultati elettorali che consente a un partito che al primo turno prenda una percentuale anche inferiore al 20 per cento dei voti di essere maggioranza parlamentare con il ballottaggio.

Il secondo referendum è per l’abrogazione dei capilista bloccati. Vecchio vizio della politica di nominare i propri fedelissimi per far sì che invece di guardare ai bisogni e alle esigenze dei cittadini, si guardi sempre agli ordini delle segreterie dei partiti e alle lobby che rappresentano. Il Pd con la nuova legge elettorale ha replicato i vizi del “porcellum”, nonostante la bocciatura da parte della Corte costituzionale”.

Il capogruppo in consiglio regionale è la persona incaricata dal MoVimento 5 Stelle nazionale a radunare le truppe in Veneto. “Un lavoro impegnativo – ammette – e una grande responsabilità che accetto con onore e che porto avanti con la consapevolezza che migliaia di veneti, seppur non vicini al M5S, si aggiungeranno alle nostre file per fermare queste assurde riforme”.

“Troverete banchetti in tutta la regione – è l’appello ai cittadini – avvicinatevi e firmate. Questo è il nostro modo democratico per salvare la democrazia”.

Share
Tags: , ,

8 comments
Leave a comment »

  1. altro quorum non raggiunto, altri skei buttadi via.

    che i lo paghe beppe grullo al referendum!

  2. ma questo quale costituzione ha studiato? quella pubblicata da Casaleggio?

  3. http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/13/costituzione-referendum-raccolta-firme-contro-litalicum-ecco-il-documento-dei-sostenitori-del-no-alla-riforma-elettorale/2632144/ il comitato promotore non fa capo al M5S il quale come forza politica appoggia l iniziativa prima di commentare studiare grazie

  4. @ piddin-tessarolo-e cippelociappelo: il solito link impulsivo-compulsivo. Dovresti essere oggetto di studio 😀

  5. “raccoglieremo mezzo milione di firme per mandare a casa Renzi, ovvero le firme necessarie per indire un referendum popolare contro le sue riforme”.
    Il M5S vuole fermare questa legge elettorale per due motivi e in due referendum.”

    allora perché sto fenomeno non cita il comitato promotore???? perché parla in prima persona?
    vuole farsi bello col lavoro degli altri?

  6. “il comitato promotore non fa capo al M5S il quale come forza politica appoggia l iniziativa prima di commentare studiare grazie”

    tra l e iniziativa ci andrebbe un apostrofo. prima di scrivere studiare la grammatica grazie

  7. E sul “porseo” regionale nessuna proposta?
    Visto lo schifo in termini di trasparenza e legittimità dei risultati delle ultime votazioni regionali forse un consigliere regionale potrebbe fare qualcosa invece di occuparsi di faccende nazionali.

  8. infatti qua su bellunopress ogni tanto ci sono gli interventi di d’incà che parla della regione e berti che parla della nazione. i casi sono 3:
    1. sono talmente bravissimi tuttologi e onniscienti che si occupano tutti di tutto;
    2. non hanno ben capito i loro ambiti;
    3. l’ufficio stampa dell’assassino che manda fuori comunicati ha problemi di stampa unione.