Wednesday, 22 November 2017 - 13:13

Giappone Paese dove si vive di più, Italia quarta. Lo dice uno studio Ocse

Apr 26th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Casa di Riposo "Maria Gaggia Lante" Belluno

Casa di Riposo “Maria Gaggia Lante” Belluno

La popolazione italiana è al quarto posto tra i Paesi membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) per aspettativa di vita alla nascita con 82,8 anni. Davanti al Bel Paese vi sono il Giappone (83,4), la Spagna (83,2), e la Svizzera (82,9) anni. È quanto emerge dall’ultimo rapporto Health at a Glance dell’Ocse, basato sui dati del 2013. In tutto il mondo occidentale, spiega il documento, rimane più alta la speranza di vita delle donne, anche se la forbice si sta richiudendo. I più longevi sono i maschi svizzeri, con 80,7 anni, seguiti dagli italiani con 80,3 e dai giapponesi e spagnoli con 80,2. Tra le donne in testa vi sono sono le giapponesi con 86,6 anni, seguite da spagnole e italiane. La media Ocse, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ,è di 80,5 anni, con un guadagno di oltre 10 anni dal 1970 a oggi. Circa il 50% degli over 65, che rappresenta la media Ocse, riporta di essere in buona salute. Nuova Zelanda e Canada registrano rispettivamente il 90 e l’80%.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Purtroppo le ultime notizie danno la ns. speranza di vita in diminuzione, dopo decenni ininterrotti di aumento.
    Cose che normalmente avvengono solo a seguito di una guerra!
    Notizia tragica a dir poco, per uno stato che si vanta di essere al top nel mondo.
    Ma questi sono i risultati di una politica che soprattutto negli ultimi quattro anni ha fatto strame di prevenzione e cure sanitarie pubbliche.
    Larghi strati della popolazione non fanno analisi o addirittura non possono permettersi medicine, anche salva vita.
    I pensionati e i giovani sono le vittime sacrificali di una politica che pensa solo ai propri interessi (e dei propri amici). Le pensioni poi sono letteralmente depredate. Ma quali pensioni? Quelle sotto una certa cifra, le altre quelle d’oro o d’argento no! Quelle sono diritti acquisiti, come certificato anche dalla Consulta.
    L’Inps certifica che centinaia di migliaia di Italiani godono di pensioni, o cumuli di pensioni, sopra i diecimila € mensili.
    Ma di questo pervicacemente non si parla a livello politico.
    E i giovani quando si rivolteranno?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.