Tuesday, 21 November 2017 - 21:12

Imu, Tari, Tasi, rifiuti, project financing del cimitero, costituzione di una società partecipata, Terna. Ecco le questioni per le quali le minoranze in consiglio comunale di Limana, mercoledì non saranno presenti

Apr 26th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

comune di limanaPer “improrogabili impegni di lavoro”, le minoranze in consiglio comunale di Limana non saranno presenti alla seduta di mercoledì 27 aprile, “Visto il ripetersi di atteggiamenti poco consoni dell’attuale amministrazione De Zanet verso i 4 consiglieri di minoranza che rappresentano il 65% della popolazione”.

Questo in sintesi il contenuto delle comunicazioni inviate al sindaco De Zanet dai gruppi di minoranza, Renata Dal Farra (per il Gruppo Renata Dal Farra per Limana con Limana), Giovanni Puppato (capogruppo della lista ” Limana Viva”) e Luciano Reolon,  che non saranno presenti alla riunione di consiglio di domani, mercoledì 27 aprile 2016.

Assenze che comunque avrebbero potuto essere evitate – si legge nelle lettere inviate al sindaco con richiesta di lettura in aula –  “qualora i rappresentanti dei tre gruppi di minoranza fossero stati preventivamente sentiti, come sarebbe stato opportuno ed eticamente corretto per una buona amministrazione.
Gli argomenti trattati, fondamentali per la presentazione del Bilancio di previsione 2016,  data la loro delicatezza ed importanza (Imu, Tari, Tasi, nuovo sistema raccolta rifiuti, ecc) avrebbero richiesto maggior approfondimento attraverso un confronto diretto tra i capigruppo  della maggioranza  e la minoranza. Mentre invece, pur rappresentando l’attuale maggioranza solo il 35% della popolazione, si continua ad operare in maniera univoca ed arrogante proponendo consigli comunali urgenti con malloppi preconfezionati non facilmente analizzabili in qualche giorno e tanto meno lasciando spazi di collaborazione”.

Molte le questioni non gradite sollevate dai gruppi di minoranza. Come ad esempio il nuovo progetto della biblioteca, la costituzione della nuova società Limana servizi, “messa in piedi chiaramente solo per risolvere i problemi del debito che ci sarà per liquidare il project financing del Cimitero, buttando 100 mila euro di avanzo di amministrazione, che sarebbero stati più utili per i tanti problemi da risolvere a Limana. Neppure su questa società si è condiviso nulla con le minoranze – si legge ancora nella nota –  inviando tardivamente uno studio di fattibilità poco vicino alla realtà per la costituzione di un’azienda speciale che poi ci siamo ritrovati in delibera trasformata in Srl. Caso ancor più emblematico la questione Terna per la quale ci siamo trovati nello scorso consiglio una modifica dell’articolo del PATI che addirittura favorisce l’insediamento di nuovi elettrodotti, senza convocare la commissione ambiente da me tanto voluta! Commissione neppure coinvolta nemmeno per notiziare delle due convocazioni arrivate a Limana su richiesta della commissione regionale”!

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.