Tuesday, 19 June 2018 - 16:26

Questione Sappada. L’Aula boccia la richiesta della senatrice Bellot (Fare!) sulla calendarizzazione del voto del Ddl 1082

Apr 20th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Raffaela Bellot, senatrice

Raffaela Bellot, senatrice

“Richiedo nuovamente, con forza, che sia calendarizzato al più presto il voto sul Disegno di legge n.1082 -Distacco del comune di Sappada dalla Regione Veneto e sua aggregazione alla Regione Friuli Venezia Giulia. Lo stralcio della discussione dai lavori d’Aula dello scorso 16 marzo è un’onta vergognosa a cui quest’aula deve porre rimedio.  Dobbiamo tutelare la sovranità del popolo e prenderci la responsabilità del nostro voto.” 

Così la senatrice tosiana Raffaela Bellot intervenendo oggi in aula per chiedere la riapertura. La richiesta è stata bocciata dall’Aula.

“Al di là del rispetto che dobbiamo avere per i provvedimenti che comunque vengono inseriti in questo calendario (le ratifiche hanno ovviamente una loro importanza), – ha detto in Aula la senatrice Bellot nel suo intervento –  dopo l’increscioso e vergognoso episodio verificatosi qui in Aula il 16 marzo con il ritiro dal calendario del disegno di legge sul distacco del Comune di Sappada dalla Regione Veneto e la sua aggregazione alla Regione Friuli-Venezia Giulia, credo che sia ulteriormente vergognoso ed increscioso non tornare più a calendarizzare questo disegno di legge.

Quindi io chiedo fortemente che, nel rispetto delle motivazioni che hanno portato in Aula questo disegno di legge, cioè nel rispetto del referendum che si è svolto in quel Comune, il provvedimento sia assolutamente ricalendarizzato con urgenza. L’increscioso episodio che si è verificato il 16 marzo deve essere assolutamente cancellato attraverso la ricalendarizzazione del provvedimento nel più breve tempo possibile. Quindi chiedo che questo disegno di legge venga inserito nel calendario che è stato da lei evidenziato, signor presidente.

Ricordo poi un altro provvedimento urgente che ancora non avete calendarizzato e che riguarda le banche. Abbiamo presentato una mozione in cui chiediamo che sia verificato l’operato della Banca d’Italia e che, a seguito di tale verifica, qualora emerga un non corretto controllo e una non corretta operatività, si proceda alla rimozione (o, in caso contrario, alla riconferma) del Governatore. Si tratta di una mozione assolutamente contingente ed urgente, che porterà a trattare l’argomento delle banche. Penso che il quotidiano dimostri la problematica che, in famiglie normali, ha dissipato e dipanato le loro intere poche risorse, che sono poi le risorse di un futuro delle famiglie.

Chiedo pertanto che venga calendarizzato prima il disegno di legge per ripagare di un vergognoso episodio e poi la mozione che riguarda un altro vergognoso episodio, cioè l’aver defraudato i cittadini delle loro risorse, attraverso un sistema bancario che purtroppo è arrivato veramente a mettere le mani in tasca, in maniera vergognosa, ai nostri cittadini”.

 

Share

Comments are closed.