Monday, 22 January 2018 - 05:52

Elettrodotti, controdeduzioni di Terna. Gianni Pastella (Comitati civici): “Stanno prendendo in giro tutti. E’ in progamma una linea a 500mila Volt nel Bellunese”

Apr 8th, 2016 | By | Category: Riflettore, Società, Istituzioni

traliccio 380 kv“Da tre anni ripetiamo le stesse cose, ora arrivano le controdeduzioni di Terna alle osservazioni fatte dalle amministrazioni comunali, dai cittadini e dalla Regione Veneto. Risultato: predono in giro tutti, per usare un termine signorile”.

Lo sostiene Gianni Pastella, portavoce dei Comitati civici della Valbelluna.

In 67 pagine, Terna risponde a tutti, e riesce a smentirsi da sola almeno in quattro-cinque punti. Di fatto, confrontando le controdeduzioni con l’ultimo piano strategico di Terna, si legge chiaramente che nel Bellunese passerà una linea a 500kv in un breve futuro. Sono previste una nuova stazione di trasformazione in centro Cadore e una nuova linea trasversale 132 kv Auronzo-Cortina-Corvara, con una stazione di trasformazione a Zuel 220-132 kv (forse 380 visto che viene collegata con la linea Polpet – Lienz).

Gianni Pastella, coordinatore dei Comitati Civici della Valbelluna

Gianni Pastella, coordinatore dei Comitati Civici della Valbelluna

Quando chiedevamo un tavolo con tutti i sindaci per un piano energetico provinciale o regionale eravamo nel giusto, ora grazie ad una politica locale debole, divisa, e a una Regione che malgrado le delibere di consiglio e giunta sta aprendo le porte ad un progetto obsoleto e devastante, ci troveremo piloni e cavi in tutto il Veneto. Altro che “paroni a casa nostra”, meglio dire piegati davanti al potere romano.

Infatti – conclude Pastella –  dopo l’abbandono irriverente durante la riunione convocata a Venezia, stiamo ancora aspettando una presa di posizione contro Terna da parte della Regione Veneto, creando così un precedente molto pericoloso che autorizza tutte le aziende operanti in regione ha sbattere la porta quando in riunione non c’è un clima di comodo.

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Terna dice che non farà più a sue spese la passerella a Ponte nelle Ali, questo a mio parere, visto che non riuscirà in toto nel suo intento “criminale” di rovinare il paesaggio Bellunese e a dimostrazione che tra Terna e Ponte nelle Alpi inizialmente c’era un accordo sotteraneo, ora invece stanno divorziando……..Complimenti al Sindaco Vendramini e all’assessore alle immondizie…..

  2. In Alto Adige invece si continua ad interrare.
    Vedi il quotidiano “Alto Adige” del 8 aprile scorso, dove tra l’altro si afferma, a proposito del futuro interramento della linea ad alta tensione tra Bressanone e Millan:
    “. Va sottolineato inoltre come gli elettrodotti sotterranei siano meno impattanti, più affidabili, e richiedano minori costi di manutenzione. L’investimento iniziale rispetto alla soluzione aerea sarebbe poi di poco superiore e si ripagherebbe nel giro di pochi anni proprio grazie alla maggiore affidabilità nel corso del tempo. Un progetto comunque oneroso che si aggira sui 25 milioni”.
    E ancora:
    “i cavi interrati, avendo emissioni elettromagnetiche molto più basse rispetto a quelli aerei, permetterebbero la coltivazione e, addirittura, di costruirci sopra abitazioni”.

    Cosa può controbattere Terna?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.