Friday, 22 November 2019 - 23:26
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Cancellato l’incontro di martedì con l’imam alle scuole medie di Agordo

Feb 29th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Giovanni Piccoli, senatore

Giovanni Piccoli, senatore

“Questa scelta è utile per il nostro futuro. I nostri figli devono crescere nella certezza di chi sono salvaguardando la nostra civiltà e le nostre radici democratiche”.

Lo dichiara il senatore Giovanni Piccoli, ricevuta la notizia dell’annullamento dell’incontro di martedì con l’immam alla scuola media di Agordo.

“Dispiace sentire – prosegue il parlamentare bellunese – che alcuni parlino di inaccettabili strumentalizzazioni, ignoranza o razzismo, non si tratta assolutamente di razzismo. Ci sono molti musulmani ben integrati in Italia e nelle nostre regole e a loro va tutto il nostro rispetto! Qui si tratta di capire invece ciò che è l’Islam, ciò che scrive il Corano. Invitare personaggi che vogliono far risultare questa religione alla pari delle altre è ingenuo e questo assoluto relativismo è nemico della democrazia.

Ribadisco – conclude Piccoli – nessuno è contro le persone e la loro dignità di essere umani. Importante invece è fare chiarezza sulla vera natura dell’Islam e che non si raccontino ‘bugie buoniste’. Bene così”!

Share

6 comments
Leave a comment »

  1. OOOps … !!! E ora con le mimose come facciamo ??

  2. el Donald Trump de noaltri 🙂

  3. Se avessimo politici che esprimono opinioni senza leggere prima i sondaggi forse andremmo meglio.
    Vedo che comunque già si sa cosa avrebbe detto l’ lmam ad Agordo, già sappiamo che avrebbe detto bugie anzichè insieme ad un prete cattolico confrontarsi un ora per spiegare ai nostri cuccioli cosa sia l’Islam. Bene allora la levata di scudi. Io so di non sapere.

  4. Il nostro senatore ha stabilito chel’Islam è una religione inferiore… può anche essere, ma avrei preferito poter ascoltare il confronto tra il prof. di religione e l’imam e magari farmene un’idea personale… ma temo sia proprio quello che non si vuole… meglio tanti pecoroni annebbiati dalla paura, da aizzare l’un contro l’altro

  5. Caro amico
    Giovanni Piccoli

    qualche giorno fa ti avevo invitato a non strumentalizzare politicamente l’ evento dell’ IMAM.
    Il tuo retroterra culturale e politico te lo ha impedito.
    La destra che tu rappresenti non farà un passo in avanti nell’ inevitabile confronto con la realtà
    che sarà sempre più improntata alla comprensione ed alla solidarietà.
    E’ un mondo intero che si sta muovendo e tu ti riduci ad impedire un evento che è un semplice esercizio
    di democrazia e di cultura.
    Per fortuna che la gerarchia locale si è mossa con grande disponibilità e responsabilità.
    Se sei, se siamo sicuri del nostro retroterra esistenziale che proviene da millenni di fede e di lotte
    per la libertà, che paura abbiamo a confrontarci con il nuovo ?
    Vuoi forse teorizzare e praticamente imporre che la paura o più prosaicamente la ricerca del consenso politico ci farà ritirare, rinchiudere in una moderna “Fortezza Bastiani” in attesa del nemico ?
    La nostra Democrazia Italiana impedirà questo rigurgito antistorico.
    Mario Svaluto Moreolo
    segretario PD-Circolo OLTRARDO

  6. @ Svaluto Moreolo:
    Mai paragone fu più calzante. L’insegnamento della “Fortezza Bastiani”, alla fine, è che riflettendo sulla propria vita, Drogo, capirà nei suoi ultimi istanti quale fosse l’occasione valorosa attesa per tutta la vita, ovvero affrontare la Morte con dignità, sconfiggendo non la Morte stessa ma la paura di morire. Solo così troverà il senso che travalica la sua individualità personale.
    E’ questa consapevolezza che noi, barricati nella bellunesissima Fortezza Bastiani, entro i cui confini già si sono agitate sommessamente le cupe ombre jiadiste, dobbiamo raggiungere, al fine di essere pronti a morire da veri soldati.
    Tu sei pronto a sostituire Drogo ? Loro pronti già lo sono e non perdono occasione per ricordarcelo (e l’invitiamo pure ! e alla festa della Donne !!). Il fatto è che qui rischiamo di finire soffocati nella “culla della (falsa) democrazia”. Altro che rigurgiti antistorici !!!
    Radiose giornate.