Friday, 22 November 2019 - 17:47
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Domenica al Faloria Mountain Spa Resort di Zuel ore 18 Bebe Vio con “Mi hanno regalato un sogno, la scherma, lo spritz e le paralimpiadi

Feb 26th, 2016 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Cortina d’Ampezzo. Bebe, appena diciottenne, come tutti i ragazzi della sua età ama divertirsi. Non ci sarebbe nulla di strano se non stessimo parlando di Beatrice Vio che a undici anni, dopo essere stata colpita da una forma di meningite acuta, ha subito amputazioni a gambe e braccia. Ma per Bebe la malattia non è la fine: è soltanto una piccola parentesi tra i suoi successi sportivi che stanno facendo sognare l’Italia e il mondo e che le hanno fatto conquistare diverse medaglie in competizioni paralimpiche.

una montagna di libri 2015-16E Beatrice Vio in una conversazione con il giornalista di SkySport Giovanni Bruno, sarà ospite di Una Montagna di Libri, la rassegna protagonista della stagione letteraria di Cortina d’Ampezzo. L’occasione è la presentazione del libro di Bebe, Mi hanno regalato un sogno (Rizzoli). Appuntamento domenica 28 febbraio 2016, alle ore 18, presso il Faloria Mountain Spa Resort di Zuel.

BEATRICE VIO pratica la scherma da quando aveva cinque anni. Nel 2008 ha contratto una meningite acuta, in seguito alla quale le sono stati amputati gli avambracci e le gambe sotto le ginocchia. Divenuta atleta paralimpica di fioretto, da allora ha vinto, fra le altre cose, la Coppa del Mondo 2014, due medaglie d’oro ai Campionati Europei (2014) e altri due ori ai Mondiali under 17 (2011 e 2014). Con i genitori ha fondato l’associazione benefica art4sport per sostenere e promuovere lo sport fra i disabili.

IL LIBRO. Per Bebe Vio la malattia non è la fine, anzi rappresenta soltanto una piccola parentesi tra quello che era prima – una bambina con una famiglia fantastica, moltissimi amici e le “tre S” (scuola, scout, scherma) – e quello che è diventata, ovvero un’adolescente felice, con ancora più amici di prima: oggi frequenta le superiori, ha ricevuto il suo nome-caccia scout (Fenice Radiosa) e ha vinto diverse medaglie in competizioni paralimpiche di scherma, anche internazionali, di altissimo livello. Ragazza scoppiettante di vita, tedofora a Londra 2012, Bebe vuole continuare la sua missione: far capire a tutti, con o senza disabilità, che «la vita è proprio una figata!».

L’appuntamento con Beatrice Vio e la sua vivacità contagiosa è quindi per domenica 28 febbraio 2016, alle ore 18, presso il Faloria Mountain Spa Resort di Zuel. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Share

Comments are closed.